Rimprovera due ragazzi che orinano per strada, spintonato e preso a calci sulla schiena

Brutale aggressione sabato notte per il titolare del "Bacaro San Marco", Fabio Zanatta, 62 anni. I giovani sono stati messi in fuga da alcuni residenti

TREVISO Ha rimproverato due ragazzi che aveva sorpreso a orinare per strada, in un anfratto a pochi passi dal suo locale. Come tutta risposta i giovani lo hanno spintonato a terra a preso a calci. Brutta disavventura quella capitata sabato notte a Fabio Zanatta, 62 anni, titolare del "Bacaro San Michele" di vicolo San Michele, nel cuore del centro storico di Treviso, a pochi passi dalla Loggia dei Cavalieri. Gli aggressori sono stati messi in fuga da alcuni residenti che sentendo il trambusto si sono affacciati a vedere cosa stava capitando. I due giovani, di circa 20 anni, sono fuggiti a piedi e potrebbero essere stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza della zona. Il 62enne se l'è cavata con alcune contusioni. A riportare l'episodio il Gazzettino di Treviso in edicola oggi, lunedì.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Scontro tra due camion a Sernaglia: un morto e due feriti

    • Incidenti stradali

      Schianto e fuga, il "pirata" si costituisce: è uno studente 21enne

    • Cronaca

      Profughi a Bonisiolo, la Regione si oppone: "Neanche per idea"

    • Cronaca

      The Stars from the Commitments: dal grande schermo al palco di Suoni di Marca 2017

    I più letti della settimana

    • Si suicida impiccandosi ad una trave in casa: Conegliano da l'addio ad un dentista 57enne

    • Treviso, anziana investita da un suv in contromano

    • Perde il portafogli all'Adunata di Treviso: alpino glielo riporta a casa

    • Schianto tra due auto a Piavon, due feriti: il più grave è un 76enne

    • Parco commerciale di Villorba, chiude anche Grancasa: licenziati 24 dipendenti

    • Tre incidenti in due ore nella Marca trevigiana: cinque persone finiscono all'ospedale

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento