Clienti pregiudicati, furti e risse: la Questura chiude il "Buonissimo Kebab"

Il provvedimento nei confronti del chiosco di via Roma a Treviso è valido per la durata di tre giorni ed è dovuto a numerosi episodi che hanno costretto le forze dell'ordine ad intervenire

Il chiusissimo Kebab

Nell’ambito dell’attività di controllo degli esercizi pubblici, il Questore di Treviso ha disposto la sospensione della licenza per la somministrazione di alimenti e bevande dell’esercizio pubblico “Buonissimo Kebab”, di via Roma, per motivi di ordine pubblico e di sicurezza. Il provvedimento, che prevede la chiusura del locale per 3 giorni, è stato eseguito e notificato al titolare dell’esercizio commerciale da personale della  Divisione di Polizia Amministrativa.

La sospensione della licenza in argomento è stata adottata a conclusione del procedimento avviato dopo stringenti controlli del locale effettuati dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, che ha riscontrato, in numerose occasioni, la presenza tra gli avventori di numerosi soggetti gravati da precedenti penali e di polizia, intervenendo, alcune volte, a seguito delle commissione di reati contro la persona e contro il patrimonio avvenuti all’interno del locale. "L’area dove persiste il negozio -si legge in un comunicato della Questura- come noto, è tra quelle ritenute sensibili nell’ambito della prevenzione e repressione dei reati. Nei prossimi mesi, proseguiranno serrati controlli nei confronti di locali ed esercizi pubblici del settore al fine di contrastare ogni forma di illegalità sia di natura amministrativa sia penale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

  • Questa sciatica mi uccide!

  • Scontro tra quattro auto lungo la Circonvallazione est, muore una 56enne

  • Coronavirus, attenzione al massimo anche in Veneto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento