L'ex fidanzata di Barzan sarà sentita in incidente probatorio

La ragazza dovrà rispondere, oltre che al giudice e al pubblico ministero, anche alle eventuali domande di Fabio Crea, l'avvocato difensore del 21enne di Quinto

Christian Barzan

Il sostituto procuratore Daniela Brunetti, il magistrato titolare delle indagini sull'incidente in cui il 7 giugno scorso è morta Giuseppina Lo Brutto, ha depositato al gip Angelo Mascolo la richiesta di incidente probatorio per ascoltare Giorgia, la grande accusatrice di Christian Barzan, in contraddittorio tra le parti. La ragazza dovrà cioè rispondere, oltre che al giudice e al pubblico ministero, anche alle eventuali domande di Fabio Crea, l'avvocato difensore di Christian.

Per la Procura l'incidente probatorio si renderebbe necessario per evitare che la ragazza, in futuro, possa subire condizionamenti. Il riferimento è a quando, subito dopo aver riferito ai soccorritori che Christian aveva lanciato volontariamente la sua auto contro quella della 62enne morta sul colpo dopo il frontale, il padre di Barzan l'avrebbe contattata chiedendole di cambiare versione. «Devi raccontare che è stato un incidente»: le avrebbe detto l'uomo. Gli inquirenti vogliono allora, come si dice, "cristallizzare" le dichiarazioni della giovane, che oltre ad accusare l'ex fidanzato di aver tentato di ucciderla e di uccidersi provocando il frontale ha anche sostenuto di essere stata violentata dal giovane qualche ora prima della tragedia e di aver subito intimidazioni e minacce dal ragazzo.

La sua credibilità è stata messa duramente in dubbio nell'ordinanza con cui il gip Angelo Mascolo ha revocato la custodia cautelare in carcere per Barzan. Per il giudice non vi sarebbero gravi indizi di colpevolezza né per l'ipotesi di omicidio volontario (e dei due tentati omicidi, uno ai danni della ragazza e uno del marito della Lo Brutto) né per quanto riguarda la presunta violenza sessuale che sarebbe stata subita dalla giovane così come per lo stalking a cui Christian Barzan l'avrebbe sottoposta. Nel frattempo lunedì avverrà il conferimento dell'incarico per l'accertamento tecnico irripetibile sui telefoni dei due ragazzi, chiesto dalla difesa di Barzan, che aveva ottenuto il loro sequestro e anche l'acquisizione dei tabulati telefonici.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Malattia incurabile, farmacista perde la vita a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento