Rompono uova dentro alla macchina, denunciati all'autolavaggio

A finire nei guai due coniugi 50enne di Treviso. Si erano fermati a pulire i sedili della loro vettura dopo la rottura di una borsa della spesa. Inutili le spiegazioni date agli agenti della polizia locale di Villorba

Sono due coniugi trevigiani "beccati" all'autolavaggio mentre pulivano i sedili posteriori della loro vettura alcune delle ultime persone denunciate nella Marca prima che la sanzione per chi non rispetta l'obbligo di ridurre al minimo indispensabile il tempo all'aperto diventasse non più un reato penale ma una salatissima multa  di natura amministrativa.

Lo scorso week end  sono incappati nelle verifiche che vengono operate dalla polizia locale di Treviso, traditi da una confezione di uova che si sono rotte in macchina. I due 50enni  si erano recati a fare la spesa e dopo aver riempito il carrello hanno caricato la spesa all'interno della loro vettura e sono ripartiti verso casa; ma una frenata un po' brusca e una sterzata non esattamente dolcissima hanno fatto sbattere  una delle borsette appoggiate nel sedile posteriore, rompendo la confezione da 10 uova che avevano appena acquistato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con tuorli e gusci sulla tappezzeria dell'automobile e un odore insopportabile dentro all'abitacolo hanno deciso di fermarsi ad un autolavaggio automatico di Villorba. Dove però, mentre cercavano di dare una pulita al disastro causato dalla rottura delle uova, sono stati avvicinati da una pattuglia della Polizia Locale. Le imbarazzate giustificazioni non sono servite: entrambi sono stati denunciati per inosservanza di un provvedimento dell'autorità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Macabro ritrovamento in serata: scoperto un cadavere vicino al Melma

Torna su
TrevisoToday è in caricamento