Coronavirus, psicosi nella Marca: centinaia di telefonate al 118

Dalla prima mattinata di oggi, sabato, centralini del Suem, sono stati letteralmente presi d'assalto da cittadini di tutta la provincia che chiedono informazioni per prevenire l'epidemia

Un'ambukanza del Suem 118

Mentre in provincia di Padova e Venezia si registrano i primi focolai e purtroppo anche la prima vittima, il 78enne Adriano Trevisan (padre dell'ex sindaco di Vo' Euganeo, Vanessa Trevisan), è forte la preoccupazione provocata dal Coronavirus anche per i residenti della Marca. Dalla prima mattinata di oggi, sabato, sono già diverse decine i trevigiani che hanno preso di mira i centralini del Suem 118 (sono stati circa 60 fino alle ore 14, altrettante nel pomeriggio fino alle 16, ma la situazione è in piena evoluzione) per chiedere informazioni circa la diffusione del virus. «Hanno tosse, mal di gola, febbre, influenza -spiegano gli operatori del 118- e chiedono cosa fare per verificare i vari sintomi». Questo flusso di telefonate e richieste di informazioni va ovviamente a sommarsi alle normali chiamate dei cittadini per avere soccorso e l'intervento di infermieri e ambulanze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento