Truffa delle monete antiche, negoziante trevigiano raggirato

I due criminali R.F. e R.M., legati da vincoli di parentela, provenienti dal centro Italia, raccontavano solitamente alle proprie vittime che le inestimabili monete erano state tramandate da generazioni

Gli investigatori della squadra mobile della Questura hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica di Treviso due uomini di etnia nomade, i quali da giorni imperversavano in città nel tentativo di commettere truffe. La loro abilità criminale consisteva nel proporre in vendita monete antiche, scambiando, al momento della conclusione del presunto “affare”, i pezzi autentici con quelli falsi. I truffatori, vecchie conoscenze delle forze dell’ordine erano inizialmente riusciti a frodare un commerciante del settore che successivamente li ha denunciati in Questura.

I due criminali R.F. e R.M., legati da vincoli di parentela, provenienti dal centro Italia, raccontavano solitamente alle proprie vittime che le inestimabili monete erano state tramandate da generazioni. Tali motivazioni avevano permesso loro di ricavare la somma di 2mila euro pagati da un collezionista numismatico. I due malfattori sono stati rintracciati e denunciati all’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento