Si presenta all'esame per la patente al posto di un amico, tradito dall'altezza

L'episodio è avvenuto giovedì mattina all'interno della sede della Motorizzazione civile di Treviso. Nigeriano di 39 anni smascherato da una funzionaria che ha subito allertato la polizia

La motorizzazione civile di Treviso

Si è presentato, giovedì poco dopo le 12, presso la sede della Motorizzazione civile di Treviso per svolgere l'esame di teoria della patente di guida al posto di un connazionale suo amico: di questi ha presentato il documento d'identità, sicuro che il trucco potesse non venire scoperto. Si sbagliava e il piano, manco a dirlo, è fallito miseramente. A finire nei guai R.O., nigeriano di 39 anni, da tempo residente a Treviso. Lo straniero, subito scoperto da una funzionaria che ha poi allertato la polizia, è stato denunciato per il reato di sostituzione di persone e false attestazioni.

A tradirlo è stata la foto e alcuni dati presenti nel documento che aveva mostrato prima dell'esame. La carta d'identità, vera, era di proprietà e riportava i dati e la foto di E.F., 38 anni, anche lui nigeriano e beneficiario dello scambio di persona (se fosse andato in porto). Nel documento era indicata un'altezza di 1,83 cm, ben diversa da quella del candidato che era decisamente di statura più bassa, e inoltre anche la sua capigliatura era differente rispetto a quella del 39enne. Il 38enne, ancora irreperibile (anche lui vive in città), rischia di finire a sua volta nei guai: per lui potrebbe scattare una denuncia per il reato di tentata truffa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Travolto da un'auto mentre era in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

Torna su
TrevisoToday è in caricamento