Mattanza all'addio al celibato, fermati i due killer di Igor

Un rumeno e un albanese, Florin Ionut Stingaciu, 26 anni, e Rubin Xhika, 28 anni, erano ospiti di una donna: la furia assassina si è scatenata perchè si lamentavano degli schiamazzi di un gruppo di ragazzi moldavi. Quattro i feriti tra cui un giovane ora in coma

VILLORBA Quattro feriti, tra cui uno in condizioni gravissime, e un morto, Igor Ojovanu, elettricista trevigiano di 20 anni e studente alle scuole serali, al "Giorgi". Questo il bilancio dell'assurda furia assassina che si è abbattuta, sabato sera, su un gruppo di una quindicina di ragazzi moldavi che stavano partecipando ad un addio al celibato, all'insegna dell'allegria. Dopo una grigliata sul Piave si apprestavano ad andare in centro ma prima c'era da accompagnare il futuro sposo a cambiarsi, a casa (lo avevano vestito da pagliaccio). E' qui, in via largo Molino, a Fontane di Villorba, a pochi passi dal Galloway che è scattato un vero e proprio agguato. Erano le 22.15 circa di sabato. Due uomini, Florin Ionut Stingaciu, 26enne rumeno, e Rubin Xhika, 28enne albanese, ospiti di una donna rumena (residenti nel palazzo di fronte a quello in cui vive il futuro sposo), lamentandosi del chiasso provocato dai giovani, sono scesi armati di coltellacci da cucina e hanno dato il via ad una vera e propria "caccia all'uomo". Ad avere la peggio uno degli invitati, Igor Ojovanu, colpito con un fendente alla schiena. Dopo la "mattanza" i due killer si sono allontanati a bordo dell'auto della donna che li ospitava: si sono recati all'ospedale Ca' Foncello, simulando di essere stati a loro volta aggrediti. L'albanese in particolare si sarebbe auto-lesionato per rendere più credibile la messa-in-scena.

I feriti. Ricoverato in prognosi riservata al Ca' Foncello il futuro sposo, Ion Bagrin, 24 anni (ferito all'addome), il fratello Stefan Bagrin, 20 anni, Valentin Olaru, 19 anni e Stafano Lungu, 18 anni (in condizioni molto gravi e con il diaframma lacerato da un fendente).

Le indagini. A condurre le indagini, coordinate dal pm Daniela brunetti, è stato il comandante della Compagnia dei carabinieri di Treviso, il maggiore Stefano Mazzanti: dopo aver acquisito le testimonianze di alcuni dei presenti e dei residenti il cerchio si è rapidamente stretto attorno ai malviventi. Il 26enne rumeno è stato a lungo torchiato già nella notte tra sabato e domenica mentre il 28enne albanese è attualmente piantonato in ospedale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PHOTO-2018-09-30-13-32-08-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Istruttore del Cai e lavoratore in cantina: Samuele muore a 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento