Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Traffico di droga, in carcere anche un 61enne trevigiano

Antonio Rasera è accusato di detenzione e spaccio di ingenti quantitativi di droga. Sequestrati all'uomo circa 350 chili di marijuana, 270 grammi di cocaina oltre a sostanze dopanti ed anfetamine

 

E' Alberto Resera, 61 anni, il trevigiano finito in manette nell'ambito di un'operazione che ha smantellato un'organizzazione italo-albanese specializzata nello spaccio di sostanze stupefacenti non solo nella Marca ma anche nelle province di Venezia, Como, Lecco e Reggio Calabria oltre che all'estero, in particolare in Albania, Romania, Germania, Inghilterra e coordinata dalla Procura Distrettuale di Venezia. L'uomo è accusato di detenzione e spaccio di ingenti quantitativi di droga, una parte delle quale -circa 350 Kg di marijuana, 270 grammi di cocaina, nonché sostanze dopanti ed anfetamine- sono state sequestrate. Otto le persone complessivamente arrestate in flagranza di reato ma l'ordinanza, 100 pagine scritte dal gip veneziano Battistuzzi, sarebbe ancora in fese di esecuzione. Secondo l'accusa Resera avrebbe conservato lo stupefacente n  alcuni locali a sua disposizione. L'uomo, che attualmente si trova recluso nel carcere di Santa Bona, ha nominato come legale l'avvocato Alessandra Nava.

DSC_0015 con logo-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento