Ritrova al mercatino dell'antiquariato l'argenteria rubata dai ladri

L'episodio qualche giorno fa a Treviso in Borgo Cavour. Una 76enne vicentina scopre i suoi averi su una delle bancarelle e allerta la polizia locale. Ambulante rodigino denunciato per ricettazione

La merce ritrovata dalla polizia locale

Gira per il mercatino dell’antiquariato e ritrova gli oggetti rubati un mese prima. È accaduto qualche giorno fa a Treviso in occasione del mercatino di Borgo Cavour: una donna di 76 anni, residente in provincia di Vicenza, si è soffermata su un banchetto dove era esposta dell’argenteria, che risulterebbe essere stata trafugata nella sua abitazione ai primi di gennaio. La donna non ha avuto dubbi che tutti quegli oggetti fossero proprio i suoi, argenteria troppo particolare per essere confusa con altri oggetti di simile forgia. Così l’anziana ha subito chiamato le forze dell’ordine. Poco dopo una pattuglia della polizia locale di Treviso si è presentata al mercatino e ha subito iniziato le indagini. La signora ha mostrato agli agenti tutti gli oggetti che facevano parte della sua collezione rubata e ritrovata sul banco: si trattava di un set di 24 posate, due teiere, otto piatti, un candelabro, un vassoio, un vaso, tre zuccheriere e altri tre oggetti sempre in argento per un valore di circa diecimila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il titolare del banco di antiquariato non ha saputo giustificare agli agenti la provenienza degli oggetti e allo stato attuale è indagato per ricettazione. T.F., 72 anni della provincia di Rovigo, ora dovrà cercare di circostanziare alla polizia locale la presenza di tutta quella argenteria, chiarendo l’effettiva provenienza per non incorrere in una pesante condanna penale. Gli oggetti sono stati subito sequestrati subito e restituiti alla proprietaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento