I poliziotti gli trovano nelle tasche 1700 euro e due cellulari: "Non sono miei"

L'episodio nella tarda serata di martedì a San Zeno: nigeriano di 30 anni vede la volante, tenta di fuggire e durante il controllo malmena un agente. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

TREVISO Un nigeriano di 30 anni, D.O., irregolare, è stato arrestato nella tarda serata di martedì dalla polizia, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. L'episodio che lo ha visto come protagonista è avvenuto nella serata di martedì, poco dopo le 22.30, nel quartiere di San Zeno. Lo straniero è stato notato dall'equipaggio di una volante mentre stava camminando molto rapidamente verso il Terraglio. Gli agenti hanno identificato il 30enne, scoprendo che aveva il permesso di soggiorno scaduto e che in tasca nascondeva una somma di 1700 euro e due telefoni cellulari.

"Non sono miei": ha subito risposto il 30enne alle domande dei poliziotti circa il motivo di quella somma così ingente. Lo straniero, improvvisamente, ha preso soldi e cellulari ed è fuggito: verrà bloccato poco dopo grazie all'aiuto di un altro equipaggio della polizia. Durante le fasi di arresto il 30enne ha ferito in modo non grave uno dei poliziotti. Sul conto del 30enne indaga ora la squadra mobile di Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Tensione in tribunale, avvocato perde la testa e aggredisce il giudice

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Più muscoli e meno grasso: gli alimenti che aiutano a costruire la tua massa magra

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento