Nelle acque dei fiumi trevigiani arriva il temolo

Mercoledì 12 giugno Veneto Agricoltura rilascerà nelle acque di Meschio, Gronda e Sile 10mila esemplari del pesce del ceppo Adriatico

Uno splendido esemplare di temolo

Per la prima volta, mercoledì 12 giugno nelle acque di tre corsi d’acqua trevigiani, Meschio, Gronda e Sile, saranno immessi, a cura di Veneto Agricoltura nell’ambito dei cosiddetti obblighi ittiogenici, ben 10.000 individui di taglia 9/12 cm di Thimallus thimallus, più comunemente conosciuto come temolo, in questo caso di ceppo Adriatico. Si tratta di un pesce d’acqua dolce della famiglia Salmoniade che predilige i corsi d’acqua a corrente non troppo forte, di buona profondità e portata. Le operazioni di semina saranno svolte, come d’abitudine, d’intesa con l’Amministrazione provinciale di Treviso, la Polizia provinciale e le due Associazioni locali di Pescatori Sile e Meschio.

Potrebbe interessarti

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • Emergenza caldo, i sindacati: «Metalmeccanici a rischio, stop al lavoro»

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento