Abusi sessuali su minori in Portogallo, arrestato nella Marca 15 anni dopo

Un guineano, oggi 40enne, era fuggito a Trento nel 2006 con un permesso da studente e poi si era trsferito in provincia di Treviso. Catturato in un allevamento di polli in cui lavorava come operaio da qualche tempo

Il carcere di Santa Bona

Quindici anni fa, nel 2004 a Monte Abraao - Queluz, in Portogallo, si era reso autore di abusi sessuali su minori, reato per cui era stato poi condannato ad una pena di due anni di reclusione. Nel frattempo però, nel 2006, per sfuggire alla giustizia, si era trasferito a Trento con un permesso come studente e poi, di recente, nella Marca per lavorare come operaio in un allevamento di polli. E' proprio qui, sul posto di lavoro, che qualche giorno fa è stato raggiunto dagli agenti della squadra mobile di Treviso. Ad essere arrestato su mandato di arresto europeo M.C.A., oggi 40enne e di origini guineane. L’uomo ormai sicuro della sua impunità, ha negato la propria identità cercando di dissimularla, ma gli accertamenti condotti dagli investigatori, sebbene fossero passati 15 anni, hanno dato inequivocabili riscontri. Al termine degli adempimenti del caso, lo straniero è stato portato presso il carcere di Treviso dove si trova attualmente recluso in attesa dell'estradizione.

Potrebbe interessarti

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Lega, è partita la corsa alla poltrona di Zaia

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Si schianta con la bici contro un'auto sul Montello, 41enne in coma

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento