Geni della truffa online per 50mila euro, quattro denunce

Facevano acquistare falsi prodotti e poi sparivano. Complesse le indagini: i quattro utilizzavano diversi IP per non essere rintracciati

Hanno architettato una semplice truffa online. Il loro punto di forza, però, era il riuscire a sfuggire alle indagini dei carabinieri che per rintracciarli hanno dovuto compiere indagini molto più approfondite. La complessa operazione, condotta dai militari di Nervesa della Battaglia, ha avuto inizio con la denuncia sporta da un residente finito nel mirino dei truffatori. Il malcapitato aveva acquistato della merce su internet ma, solo in seguito al pagamento, aveva scoperto il raggiro.

Grazie alla collaborazione investigativa con i militari delle province di Brescia e Milano, gli uomini dell’Arma di Nervesa sono riusciti a rintracciare i vari IP dei computer di volta in volta utilizzati anche in “Internet point” dagli indagati e, in stretta collaborazione con le compagnie telefoniche e i servizi security degli ignari istituti di credito coinvolti, i carabinieri di Nervesa sono riusciti ad accertare il modus operandi della banda e le loro generalità. In circa  sei mesi il gruppo ha truffato per una cifra di circa 50.000 €.

Un componente della banda, pensando di non essere mai scoperto,  ha addirittura inviato un’email ai clienti truffati illustrando loro le motivazioni che l’hanno indotto alla via del crimine. Ad incassare una denuncia per truffa aggravata in concorso, A.M., 48enne di Lonato del Garda; S.P., 51enne residente a Milano, M.F. classe 53enne, residente a Lonato del Garda e P.M., classe 1970, residente a San Felice del Benaco.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di paolo
    paolo

    udienza preliminare il 17 febbraio 2015 ore 9 presso il nuovo palazzo di giustizia di brescia.

  • Avatar anonimo di Gabriele
    Gabriele

    E' una notizia fantastica, grazie! Si tratta del gruppo che mise a punto la truffa di Melashop.it, lo scorso luglio, e, probabilmente, quella recentissima di Cocegastecnologia.it Congratulazioni alle forze dell'ordine

  • Avatar anonimo di Giovanni
    Giovanni

    Voglio ringraziare l'Arma dei carabinieri e i magistrati, che si sono prodigati per fare Giustizia su un'ignobile quanto socialmente pericolosa truffa a danno di onesti cittadini. Spero che alle indagini e agli arresti segua il processo e la condanna, anche al risarcimento dei danni patiti, nei confronti dei malfattori, che minano la sicurezza della rete e ledono gli interessi degli imprenditori onesti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tragedia sul lavoro a Resana, precipita dal tetto e muore

  • Sport

    "Ciao Capitano!", a Treviso finisce l'era Fantinelli: il play si accasa alla Fortitudo

  • Cronaca

    Incendio all'alba: in fiamme un'azienda di Colle Umberto

  • Cronaca

    Ladri sorpresi in terrazzo a Caorle: prima fuggono, poi incappano nel posto di controllo

I più letti della settimana

  • Maxi incidente in Feltrina: cinque persone ferite, viabilità nel caos

  • Nuova vita per le Grotte del Caglieron: nel percorso anche una caverna mai vista prima

  • Tragico incidente, anziano trovato morto con la gola tagliata

  • Outlet di Roncade, scatta il conto alla rovescia per l'inaugurazione

  • Gli bocciano il figlio alle medie: il papà scatena un parapiglia a scuola

  • Tragedia sulla A13: scende dal proprio camion e viene investito, autista muore sul colpo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento