homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Uccelli morti nel frigo e sporcizia ovunque, intervengono i carabinieri

Orrore a casa di un 57enne di Crocetta del Montello. I militari hanno trovato specie protette in condizioni precarie e carcasse di animali tra gli alimenti nel freezer

Le immagini scattate dai carabinieri

I carabinieri sono giunti alla sua abitazione per una perquisizione, in seguito alla segnalazione della sua ex fidanzata per alcune minacce ricevute: “Stai attenta perché vengo a trovarti col ferro”, e hanno trovato uno spettacolo raccapricciante.

Oltre a due repliche di armi (una Magnum e un Revolver) un 57enne disoccupato di Crocetta del Montello, pregiudicato per alcuni reati contro persone, viveva in condizioni igieniche pietose, insieme a centinaia di volatili tra imbalsamati e ancora vivi.

All’interno dell’abitazione erano presenti animali come cardellini, fringuelli, merli, passeri, gufi e civette, alcuni detenuti all’interno di apposite gabbie e ricoperti del loro stesso sterco, altri all’interno di congelatori. Tra i volatili, anche specie protette in via di estinzione.

I carabinieri hanno immediatamente richiesto l’intervento del corpo forestale di Volpago del Montello e dell’unità cinofila, i quali, durante gli accertamenti, hanno preso conoscenza dello stato degli animali maltrattati, scoprendo addirittura un cigno all’interno di un congelatore e una testa di lupo imbalsamata appesa al muro.

Il soggetto, B. G., faceva morire di stenti tutti i volatili e li conservava all’interno di frigoriferi e congelatori, per imbalsamarli in un momento successivo.

Nel corso degli accertamenti, i 56 volatili ancora vivi sono stati immediatamente trasportati in un centro di recupero della Provincia di Treviso. Ancora sconosciuto il numero di animali trovati, invece, già morti.

Il 57enne sarà denunciato per maltrattamento di animali, detenzione illegale di specie protette, impagliatura abusiva.

Le forze dell’ordine hanno scritto al Sindaco e richiesto l’intervento immediato dell’Ulss  per ordinare lo sgombero immediato dell’abitazione.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Novità a Resana: il Commissario ordina l'installazione di una tendopoli per i profughi

    • Incidenti stradali

      Finisce con la moto contro un muretto a Paderno del Grappa: gravissimo un 26enne

    • Cronaca

      Raid punitivo dei bikers a Cessalto: tra Hell's Angels e Bandidos Venice volano calci e pugni

    • Incidenti stradali

      Tamponamento tra un'auto e una Vespa: traffico intasato e lunghe code in Tangenziale

    I più letti della settimana

    • Tragedia sulla Via Normale del Civetta: morto un alpinista trevigiano di 31 anni

    • Malore fatale mentre è al lavoro, muore operaio di 47 anni

    • Sperava nel trasferimento in Sicilia, professore si toglie la vita

    • Terremoto, dal Veneto partita la protezione civile, venti vigili del fuoco di Treviso a Rieti

    • Perde il controllo dell'auto e finisce fuori strada, grave un 39enne

    • Entra in bicicletta dal casello di Vittorio Veneto e percorre l'autostrada contromano

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento