mercoledì, 23 aprile 13℃

Ulss 8, ricerca tumori: borsa di studio dedicata a don Miglioranza

Ufficio Stampa Azienda Sanitaria Ulss 820 luglio 2012

L’associazione “Comitato per la borsa di studio per la cura dei tumori” promuove un concorso con borsa di studio rivolta agli operatori sanitari dell’Ulss 8 per la prevenzione, diagnosi e cura dei tumori

Comunicato Stampa

L’associazione “Comitato per la borsa di studio per la cura dei tumori” ha indetto un concorso per l’assegnazione di una borsa di studio del valore di 25mila euro dedicata a don Umberto Miglioranza, scomparso nell’aprile scorso dopo aver prestato per molti anni servizio come sacerdote presso il centro residenziale per anziani di Castelfranco “Domenico Sartor” e come assistente degli operai delle Acli.

Il concorso è aperto a tutti i medici ed il personale sanitario (infermieri, capisala, tecnici) o volontario (frequentatori, tirocinanti) dell’Ulss 8 che intendono trascorrere un periodo di studio ed approfondimento in una struttura italiana o estera per la prevenzione, la diagnosi e la cura dei tumori.

Le domande per partecipare alla selezione devono essere presentate entro il 31 ottobre presso la segreteria del Day Hospital oncologico dell’ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto. Le domande saranno quindi valutate da una commissione esaminatrice mentre, entro tre mesi dal conferimento della borsa di studio il candidato dovrà presentare l’attestato di accettazione da parte della struttura italiana o estera presso il quale trascorrerà il periodo di studio.

Il Comitato è nato nel 1976, grazie al il contributo di tanti enti, associazioni, imprese e cittadini della castellana, fra cui primeggia  Tarcisio Comacchio, emigrante di Salvarosa di Castelfranco Veneto, che ha dedicato il suo “tesoro” ottenuto scavando giacimenti di opoale in Australia, a sostegno dei malati di tumore.

Il bilancio di 36 anni di attività è considerevole. Sono più di duecento i giovani operatori sanitari che hanno migliorato la loro formazione umana e professionale; migliaia i pazienti ed i loro familiari che ne hanno tratto benefici. La risposta della comunità è stata sempre generosa in termini di risorse coinvolgendo semplici cittadini, enti ed associazioni come il Rotary, i Lions ed altri.

Castelfranco Veneto