"Una Notte al Liceo Classico Levi": una serata per immergersi nella 'classicità'

Si celebra il 12 gennaio la IV edizione de La Notte del Classico. Per l'occasione gli studenti presenteranno versi, filmati, letture, drammatizzazioni per riproporre, secondo la loro sensibilità, i Classici

MONTEBELLUNA Il Liceo Levi di Montebelluna sarà aperto a tutti il 12 gennaio 2018 per celebrare la IV edizione de “La Notte del Classico”. Performance, recitazione, filmati, balli, letture tutto per raccontare e rivivere la tradizione classica, quella dei latini e dei greci, che ha segnato indelebilmente la nostra storia ed esistenza. All’iniziativa promossa dal Liceo “Gulli e Pennisi” di Acireale parteciperanno più di 400 licei di tutta Italia. Alle 17 in tutte le sedi sarà proiettato il filmato simbolo di questa iniziativa, il cui contenuto resterà riservatissimo fino ad allora. Poi cominceranno le varie azioni progettate e realizzate dagli studenti dei Licei classici.

Al Levi di Montebelluna si proseguirà fino alle 24. Sarà anche l'occasione per consegnare otto borse di studio agli studenti più meritevoli dello scorso anno. Verrà premiato pure lo studente che ha ideato e realizzato il nuovo logo del Liceo Levi, assieme alla menzione per il secondo classificato. Ad aprire la manifestazione una conferenza tenuta dalla professoressa Antonella Tracinà; docente di storia e filosofia al Levi ed esperta di musica, diplomata al Conservatorio di Verona, disserterà sul tema “L'arte della Musica”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di seguito e a rotazione nelle diverse classi: una presentazione della storia e della vitalità della via Aurelia, strada romana che collegava Asolo alla Postumia (1bCl); un’originale rivisitazione in classe del frontone occidentale del Partenone (2aCL); nell'atrio la ricostruzione del mitico labirinto di Minosse (1aCl); alcune letture tratte dalle tragedia di Euripide (2Bcl); la presentazione e rilettura delle maschere di Plauto e della tradizione dell'Atellana (3aCl); la storia del teatro Olimpico di Vicenza (3bCl); dal testo di Nietzsche, la Nascita della Tragedia Greca, alcuni movimenti e danze e lettura metrica di un coro tragico (5aCl); un video autoprodotto dagli studenti sulla Shoah (5bCl); la lettura in metrica di alcune poesie d'amore di Catullo “L’amore è eterno, finché dura” (4aCl); “Quattro passi nel greco moderno” e “I pettegolezzi delle donne” tratto dalla commedia di Goldoni (4aCL); Poetry the evidence or lite, infine, la performance in lingua inglese. Al termine in tutti i Licei Classici d'Italia verrà letto in greco e italiano, in versione integrale, l’inno pseudomerico “A Selene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

Torna su
TrevisoToday è in caricamento