Escavatori e rimorchi spariti dopo il crack, scatta il maxi sequestro

I mezzi erano nell'inventario dei fallimenti della Gallina Alfonso e della Gallina Scavi srl di Valdobbiadene: sarebbero stati sottratti ai creditori delle due società e trasferiti alla Ag Scavi

Escavatori, foto archivio

Oltre 100 mila euro tra escavatori, rimorchi e macchine per movimentazione terra mai inclusi nell'inventario dei fallimenti della Gallina Alfonso e della Gallina Scavi srl di Valdobbiadene sarebbero stati sottratti ai creditori delle due società e trasferiti alla Ag Scavi srls, la cui proprietà sarebbe di fatto riconducibile allo stesso titolare delle due imprese fallite. Per questo nelle settimane scorse nei confronti della Ag Scavi è scattato un maxi sequestro ma uno dei macchinari su cui dovevano essere apposti i sigilli è bruciato nel corso di un incendio scoppiato nella notte della vigilia di Pasqua, tra il 20 ed il 21 aprile. Che si sia in effetti trattato di un atto doloso, come sospetta la Procura di Treviso, lo stabiliranno ora le indagini condotte dalla fiamme gialle con cui si sta cercando di fare chiarezza sul "buco" da circa due milioni di euro provocato dal crack delle due aziende, fallite nel 2014.

I controlli delle Fiamme Gialle avrebbero scoperto che alcuni mezzi per la lavorazione e il trasporto dei materiali, per un valore di poco superiore ai 100 mila euro, risultano essere stati rottamati poco prima dei fallimenti oppure sono denunciati come  rubati. Ma in realtà le macchine erano invece in attività. La Guardia di Finanza le ha scovate in un cantiere di Valdobbiadene dove lavora la Ag Scavi, una società a responsabilità semplice i cui soci si ritiene siano solo dei prestanome di Alfonso Gallina, che al momento del sopralluogo dei finanzieri è stato infatti trovato impegnato a dirigere i lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rilevata la corrispondenza tra i numeri di matricola dei mezzi nel cantiere e quelli che sarebbero stati demoliti o di cui è stata fatta denuncia di furto sono scattati i sequestri. Posti i sigilli a sei mezzi su sette perché l'ultimo, su cui pare fosse operante una polizza incendio, è stato trovato carbonizzato la mattina di Pasqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento