Vandali in azione: rompono una finestra e lanciano petardi in chiesa

Nuova spaccata alla chiesetta della Madonna della Neve di Vittorio Veneto. Divelto il sistema di allarme. Ingenti i danni. Necessario installare una videocamera di sorveglianza

Ennesimo raid dei vandali alla chiesetta della Madonna della Neve di Vittorio Veneto. Dopo aver scardinato la grata della finestra, i responsabili hanno lanciato dentro alla chiesa una decina di petardi e una tanica di olio motore vuota.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso" ad accorgersi della spaccata è stato un passante che, lunedì mattina, si è accorto della grata divelta. Immediata la chiamata al custode e a Monsignor Favret. In questo periodo la chiesetta viene aperta solo in un paio di occasioni per recitare il rosario mentre il resto del mese rimane chiusa trovandosi anche in una zona piuttosto isolata. I vandali entrati in azione nei giorni scorsi hanno quindi avuto tutto il tempo per forzare la finestra e vandalizzare la chiesa facendo esplodere i petardi all'interno dell'edificio sacro. La fortuna è che i responsabili non sono riusciti a forzare la porta d'ingresso, restando sempre all'esterno della chiesetta. Una bravata costata molto alla chiesetta dove i danni sarebbero ingenti. Oltre alla finestrella è stato divelto anche il sistema di allarme ma, per fortuna, i petardi non avrebbero causato danni all'interno dell'edificio. Difficile risalire all'identità dei responsabili. Sul posto non c'era nessuna videocamera di sorveglianza che, visti i continui raid dei vandali, potrebbe però essere installata già nelle prossime settimane.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I segni evidenti di calo glicemico

  • Il piede diabetico: cure e trattamenti

  • Vince 20mila euro al Lotto e offre il caffè a tutto il bar

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: fiere e mercatini accendono l'autunno

  • Malore dopo lo spinello: la causa della morte non è stato il trauma cranico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento