Fatture false per 11 milioni: uno studio era "specializzato" in evasione fiscale

Operazione della Guardia di Finanza di Venezia coinvolge anche la Marca, "teste di legno" per frodare il Fisco

Le indagini della Guardia di Finanza di Venezia

Nelle ore scorse i finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Venezia hanno sequestrato beni per oltre 3 milioni di euro dopo aver scoperto un importante giro di evasione fiscale e false fatture con fulcro a Mestre. Risultano indagate 15 persone residenti nelle province di Venezia, Pescara, Chieti, L’Aquila, Treviso (a finire nel mirino due "teste di legno", entrambi di Oderzo) e Ravenna, mentre le aziende coinvolte sono 11, con sedi a Venezia, Scorzé, Caorle, Mira, Roma, Pescara e Vasto.

Dalle indagini è emerso che il sistema era stato messo in piedi da un professionista di Mestre assieme ad alcuni collaboratori: erano loro a individuare le imprese disponibili a emettere fatture per operazioni inesistenti, in modo tale da creare costi fittizi da portare in deduzione e contemporaneamente generare crediti iva inesistenti. Questi crediti falsi venivano poi ceduti a soggetti economici effettivamente operativi, in compensazione di debiti tributari. Dopodiché le società emittenti venivano svuotate dai loro beni e cedute a prestanome oppure trasferite in altre regioni. In un caso, anche in Francia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già nell’estate del 2018 erano state eseguite perquisizioni nelle abitazioni degli indagati. Dagli accertamenti più recenti sono state ricostruite operazioni inesistenti, con emissione di false fatture, per circa 11.340.000 euro. Alla fine la procura di Venezia ha disposto i provvedimenti di sequestro per l’importo di 3.189.721 euro: conti correnti, disponibilità finanziarie, quote societarie, veicoli, fabbricati e terreni tra le province di Venezia, L’Aquila e Chieti. Le attività si inquadrano nell’ambito di una complessa indagine di polizia giudiziaria diretta dalla procura lagunare e svolta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Venezia e dalla tenenza di Caorle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento