Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sua figlia ha causato un incidente»: è allarme per la truffa del "finto avvocato"

Due casi registrati nel vittoriese negli ultimi giorni. L'appello del comandante della Compagnia dei carabinieri di Vittorio Veneto, Giuseppe Agresti

 

Nel corso di questa settimana si sono registrati a Vittorio Veneto due episodi di truffe in danno di persone anziane. Nel primo caso una 77enne ha ricevuto una telefonata da un individuo che si è presentato come appartenente alle forze dell'ordine. L'uomo l'ha informata di un presunto incidente stradale causato dalla propria figlia, richiedendo la somma di euro 8.000 per evitare conseguenze penali. La somma è stata consegnata successivamente ad un soggetto presentatosi come avvocato presso l'abitazione della vittima.

Nel secondo caso una 94enne ha ricevuto la telefonata di un altro finto avvocato che le ha riferito di un presunto incidente stradale causato dalla propria nipote, richiedendo la somma di euro 500 per evitare conseguenze penali. Il denaro è stato consegnato successivamente ad un uomo presentatosi come avvocato presso l'abitazione della vittima. Dopo le denunce formalizzate dalle due vittime, sono scattate le indagini da parte della Stazione Carabinieri di Vittorio Veneto per risalire all'identità dei truffatori, che presumibilmente sono gli stessi nei due episodi, data la similitudine del modus operandi.

«Si sensibilizza la cittadinanza a prestare massima attenzione a questo tipo di telefonate -ha sottolineato il comandante della Compagnia di Vittorio Veneto, Giuseppe Agresti- ed a non cedere alle richieste di denaro, ma di chiamare prontamente il 112 al fine di poter prevenire ed evitare la commissione della truffa ed individuare gli autori».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento