Giovedì 22 e venerdì 23 febbraio Cocoradicchio fa tappa alle Calandrine di Cimadolmo

Qualche settimana fa Gianni, Remo e Liliana, i tre soci che hanno recentemente festeggiato i trent’anni di attività del loro ristorante hanno provveduto a raddoppiare l’appuntamento

CIMADOLMO Una serata non sarebbe bastata, al Ristorante Le Calandrine per accogliere gli estimatori di Cocoradicchio che hanno cominciato a prenotare con grande anticipo la loro partecipazione alla cena dedicata al fiore più gustoso dell’inverno. E così già qualche settimana fa Gianni, Remo e Liliana, i tre soci che hanno recentemente festeggiato i trent’anni di attività del loro ristorante di Cimadolmo, hanno provveduto a raddoppiare l’appuntamento. Cocoradicchio si fa in due, quindi, nella grande ed elegante struttura sulle grave del Piave, dove giovedì 22 e venerdì 23 febbraio andrà in scena per la prima volta la rassegna invernale del gruppo Cocofungo, di cui Le Calandrine fa parte dall’autunno scorso.

Per l’occasione, lo chef Luigi Barbiero si è ampiamente ispirato al tema di questa trentesima edizione della rassegna, l’uovo (ma anche il n-uovo) realizzando un menu che intreccia la duttilità del radicchio rosso con i sapori del mare e l’uovo nelle sue più diverse declinazioni. Dopo il ricco aperitivo di benvenuto durante il quale esplorare le diverse “isole del gusto” allestite in uno dei saloni del ristorante, gli ospiti potranno scoprire l’uovo in piatti come  il “finto uovo” realizzato con seppia ripiena su crema di patate, radicchio di Treviso glassato con maionese e uovo mimosa, i ravioli ripieni di radicchio alla brace in carbonara on gamberi rossi, l’involtino di sogliola e mazzancolla su radicchio di Castelfranco brasato e un’inedita salsa con uova di sogliole, ma anche piatti tutti da scoprire che utilizzano uova di salmone e un dessert che vedrà l’uovo trasformarsi in goloso zabaione e il radicchio rosso protagonista di una suadente confettura.  Ma sono solo alcuni dei piatti di un menu goloso che scopriranno totalmente i già numerosi ospiti previsti e i pochi altri che potranno ancora trovare un posto a tavola prenotandolo al più presto (tel. 0422 748010). Il tutto abbinato di vini sapientemente scelti dalla sommelier Liliana, alle ambientazioni quasi fiabesche ideate dall’esigente regista Gianni, all’organizzazione minuziosamente creata da Remo e alla brillante presentazione della serata, affidata come di consueto a Claudio De Stefani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Malore fatale: il cuoco dell'osteria Al Baston muore a 59 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento