Olimpiadi dei cuochi a Stoccarda: Giorgia Ceccato guida il team italiano alla vittoria

La studentessa 19enne originaria di Santa Giustina in Colle (Padova) ma iscritta all'alberghiero Maffioli di Castelfranco ha ottenuto un nuovo riconoscimento internazionale

In foto Giorgia Ceccato (Immagine d'archivio)

Giorgia Ceccato trionfa anche alle Olimpiadi dei cuochi di Stoccarda dopo il premio ricevuto come miglior giovane chef alle Olimpiadi dei cuochi svoltesi in India a inizio febbraio. L’assessore regionale alla formazione del Veneto si è complimentato in queste ore con la 19enne iscritta al Maffioli di Castelfranco per aver conquistato il primo posto con la Nazionale Italiana Cuochi nella categoria ‘Ristorante delle Nazioni’ alle Olimpiadi di Stoccarda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le IKA Culinary Olympics sono la più importante gara internazionale di cucina, con squadre composte dai migliori chef provenienti da tutto il mondo: la vittoria conquistata dai 19  giovani chef della squadra italiana non era affatto scontata, ed è motivo d’orgoglio per il Veneto che ha dato i natali a ben 3 componenti del team azzurro: Gianluca Tomasi (team manager del compartimento gare alla sua ottava olimpiade) e Marco Tomasi di Creazzo e Giorgia Ceccato di Treviso. «Gli chef vicentini Gianluca e Marco Tomasi sono padre e figlio di Creazzo, chef alla terza generazione seguendo le orme di nonno Alberto – dichiara l’assessore -  molto conosciuti per l’attività di famiglia, la Cucina Tomasi, figure di riferimento nella tradizionale manifestazione del broccolo di Creazzo. Il padre, Gianluca, ha insegnato per anni nelle nostre scuole della ristorazione: una riprova dell’alta qualità dell’insegnamento erogato dalle scuole della formazione professionale del Veneto -  continua l’assessore -  la vittoria a Stoccarda è motivo di vanto anche per la nostra Regione, che ogni anno impegna 95 milioni di euro del proprio bilancio per garantire i percorsi professionali e il sistema duale, contribuendo al successo di un sistema formativo-educativo che è tra i principali fattori della nostra capacità di competere in Italia e nel mondo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

  • Passeggia a 150 metri da casa: multato dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento