Cento anni di attività: il ristorante Busatto premiato dal Comune

Importante riconoscimento per la famiglia di ristoratori che continua a mandare avanti uno dei locali storici del capoluogo di Marca. Un secolo di lavoro al servizio dei clienti

«Un secolo di vita che rappresenta solo una parte di una storia che sarà ancora molto lunga. Un risultato che premia un luogo di valori e di persone straordinarie».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con queste parole il Sindaco di Treviso Mario Conte ha consegnato martedì 30 aprile ad Enos e Maria Busatto un riconoscimento per il lavoro e la dedizione con cui hanno portato avanti l'attività familiare di ristorazione che nel 2019 compie un secolo di vita. Un traguardo straordinario che la città di Treviso ha deciso di omaggiare con un riconoscimento ufficiale premiando l'impegno, la passione e il sentimento di vera accoglienza che da sempre rende unico il locale dei Busatto. «Oggi celebriamo una realtà straordinaria - ha aggiunto il vicesindaco De Checchi - che da sempre si basa su buon cibo, umanità e accoglienza. Valori che, grazie ai Busatto, sono diventati patrimonio di tutti i trevigiani e un esempio del saper guardare al futuro valorizzando la nostra tradizione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Madre di un figlio di 11 anni muore dopo una lunga malattia

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento