Vendemmia social(e): il vino dell'Ulss2 aiuta i malati di tumore

Le bottiglie di vino prodotte durante la vendemmia social-e di quest'estate sono state messe in commercio per aiutare la Fondazione Altre Parole Onlus e i malati oncologici

Foto d'archivio

È un brindisi che ha il dolce sapore della solidarietà quello proposto per il prossimo Natale dalla 1^ Vendemmia Social-e. Una iniziativa patrocinata dall'Ulss 2 e resa possibile grazie alla sensibilità di Tenuta Amadio di Monfumo e della cantina Antonio Facchin Wines di San Polo di Piave.

Un progetto nato dalla voglia di riscoprire la vendemmia nel suo valore simbolico di aggregazione e condivisione per la vita della comunità, simboleggiato dal grappolo d'uva divenuto l'emblema della Vendemmia Social-e, che ha vissuto il proprio momento clou a settembre, in occasione della raccolta delle uve. A settembre, infatti gli ospiti della Fondazione Altre Parole Onlus, impegnata nell'umanizzazione delle cure oncologiche (cui è destinato il ricavato dell'iniziativa), sono stati invitati dalle due cantine a vendemmiare simbolicamente quelle stesse uve che ora, dopo il giusto riposo, sono divenute il vino donato alla Fondazione e messo in vendita in occasione del Natale, trasformando il prodotto simbolo del lavoro dell'uomo in emblema di partecipazione e condivisione. Un'iniziativa sociale diventata anche fenomeno social grazie alla condivisione di immagini, parole e sentimenti degli instagramer e blogger presenti che, con i loro post, hanno contribuito al successo dell'evento, che ha registrato oltre 300 mila ricerche sul web, più di 600 mila visualizzazioni dell'hashtag #vendemmiasociale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appuntamento ha proposto, in quel un clima festoso che caratterizza la raccolta delle uve, contenuti concreti ed emotivi, in cui il grappolo è divenuto simbolo di condivisione e unità, proprio come accade alle singole persone che in gruppo compiono l’impresa di dedicarsi agli altri “distillando” quel prezioso elisir che è il prendersi cura di sé e dell’altro. E da oggi anche chi non ha partecipato alla 1^ Vendemmia Social-e potrà comunque contribuire al progetto con l'acquisto dell'originale confezione da due bottiglie messa in vendita in occasione delle prossime festività presso i punti vendita delle due aziende e nei reparti oncologici degli ospedali dell'Ulss 2 e di Camposampiero. Il ricavato sarà interamente devoluto alla Fondazione Altre Parole Onlus. Il progetto proseguirà nei prossimi mesi con molte altre attività, tra cui la prima presentazione nazionale dell'iniziativa in occasione di Vinitaly 2019.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bar presi d'assalto, Zaia furioso: «Se continua così chiudo tutto»

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

  • Guarisce dal Coronavirus e lancia un appello ai giovani: «Evitate la movida»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento