World Cheese Awards: il Bufala al Glera di Latteria Perenzin è tra i migliori al mondo

Un riconoscimento alla qualità e all’eccellenza del caseificio di San Pietro di Feletto. Emanuela Perenzin: «Omaggio alle Colline del Prosecco Superiore, Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco»

La Latteria Perenzin centra un altro oro al World Cheese Awards di Bergamo. La giuria internazionale ha premiato anche quest’anno il caseificio di San Pietro di Feletto con la Golden Medal per il Bufala ubriacato al Glera. Soddisfazione anche per la Medaglia di Bronzo al Montasio Dop Stravecchio.

«Sono molto contenta di questo nuovo e importante riconoscimento - ha dichiarato la titolare Emanuela Perenzin -. Al World Cheese Awards, il più prestigioso concorso mondiale dedicato all’arte casearia, per la prima volta in Italia dopo 31 edizioni, il Bufala al Glera si conferma come uno dei grandi formaggi affinati del mondo perché dal 2014 ad oggi resta nell’olimpo dei premiati. Il latte di bufala è locale e le vinacce di uva Glera sono quelle delle Colline del Prosecco Superiore, proclamate quest’anno Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco con le quali si produce lo spumante più famoso al mondo». Simbolo di questa terra, il Bufala al Glera unisce l’impegno a promuovere il territorio con l’arte casearia della famiglia Perenzin che vanta una storia lunga oltre un secolo e custodisce da cinque generazioni i preziosi saperi artigianali legati alla tradizione. Questa eccellenza sarà di nuovo disponibile per tutta la clientela da dicembre dopo un giusto periodo di affinamento.

«Ma c’è un altro premio che mi rende orgogliosa - ha continuato Emanuela Perenzin - ed è la Medaglia di Bronzo al World Cheese Awards per il nostro Montasio Dop Stravecchio che quest’anno ha avuto un altro riconoscimento: il primo premio al Concorso interregionale del Montasio Dop. Davvero un bel risultato, un terzo posto che conferma la grande qualità di questo formaggio autoctono che oggi viene riconosciuto tra i grandi stagionati mondiali». Due ottimi successi che ricompensano lo sforzo e l’impegno della famiglia Perenzin a creare eccellenze legate al territorio. «E’ doveroso da parte mia ringraziare Luca Longo il nostro casaro, Matteo Piccoli responsabile delle ubriacature e tutto lo staff perché questi premi sono il frutto di un grande lavoro di squadra e li voglio dedicare a tutti noi».

«Alla Fiera di Bergamo - ha aggiunto Emanuela Perenzin - abbiamo partecipato a degli eventi molto interessanti, tra cui il B2Cheese e il Cheese Festival. Il pubblico ha apprezzato moltissimo la qualità dei nostri prodotti». «C’è un grosso interesse verso i nostri formaggi di capra biologici - ha spiegato Martino Gallon, sales manager della Latteria Perenzin - su Paesi che sono sempre stati lontani da questo tipo di mercato. Stiamo collaborando con il Sud-Est Asiatico, in particolare con la Thailandia, il Vietnam, la Malesia e l’Indonesia e anche i Paesi Arabi stanno cercando prodotti biologici di qualità. Abbiamo avuto contatti con il Libano, gli Emirati Arabi e l’Arabia Saudita che stanno riconoscendo nel formaggio di capra biologico della Latteria Perenzin un prodotto per la loro clientela». 

Martino Gallon ed Emanuela Perenzin-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento