Acli: per combattere la poverta’ serve piu’ condivisione

Alla Fiera4passi arriva ‘WelfareLAB’, un progetto sperimentale di sharing economy (e un’installazione) per offrire opportunità concrete a chi è in difficoltà

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Sarà presentata nel fine settimana a Treviso “WelfareLAB. Soluzioni innovative di contrasto alla povertà”, un’iniziativa sperimentale promossa da ACLI, CTA, UsACLI e NEXT e cofinanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Avviso 1/2017), nata per offrire opportunità concrete per superare situazioni di difficoltà economica, familiare e personale. Il progetto verrà illustrato ufficialmente nell’ambito della “Fiera4passi” (dal 17 al 19 maggio 2019 al Parco di Sant’Artemio di Treviso), uno degli eventi più importanti a livello nazionale nel panorama dell’economia sostenibile, che mette al centro i cittadini e la possibilità di un’economia più giusta e capace di futuro. I destinatari di “WelfareLAB”, potranno sperimentare concretamente cos’è la sharing economy, attraverso strumenti come il recupero delle eccedenze di beni di prima necessità, il baratto o le banche del tempo e fruire di proposte educative, formative e ricreative gratuite. Molto interessante, inoltre, la possibilità di coinvolgere le persone in difficoltà in nuove forme di welfare sussidiario fra Terzo settore e aziende, pensate per favorire l’auto-imprenditorialità e lo sviluppo di nuove competenze sociali e professionali. WelfareLAB, propone una visione innovativa che integra il sostegno materiale e l’empowerment delle persone svantaggiate, grazie alla sensibilizzazione e all’orientamento rispetto ai propri diritti. “Un’iniziativa che vuole essere di supporto alle persone in condizione di povertà relativa, affinché non perdano la bussola e riescano a trovare una via d’uscita dalla situazione di crisi che stanno vivendo”, come spiegano i promotori del progetto. Ed è proprio per rendere concreta e visibile la situazione di difficoltà in cui si trova chi vive una condizione difficile di vita, che i promotori hanno voluto realizzare anche un’installazione che sarà visibile presso la Fiera4passi. Un grande labirinto che consentirà ai visitatori di sperimentare in prima persona il senso di smarrimento, quando la difficoltà di trovare la strada giusta può lasciare spazio alla rassegnazione, all’incapacità di pensare che esista una via d’uscita, fino al momento del sollievo, che deriva dall’aver trovato il percorso. Una soluzione, in questo caso simbolica, che vuole rappresentare la possibilità concreta di trovare un aiuto anche in situazioni difficili: quel supporto che WelfareLAB vuole offrire con le sue attività.

I più letti
Torna su
TrevisoToday è in caricamento