Testimoni di Geova nel mirino: recapitata busta con minacce e un bossolo di pistola

A ritrovare la missiva minatoria è stato, sabato scorso, un 58enne di Orsago. Indagano i carabinieri di Cordignano

Un'assemblea dei testimoni di Geova a Treviso

Testimoni di Geova nel mirino a Cappella Maggiore. Sabato sera nella cassetta della posta della "Sala del regno dei testimoni di Geova" di via Livel è stato trovato un piccolo cartoncino con una scritta minacciosa e una cartuccia di pistola calibro 7.62. La missiva era indirizzata ad un 58enne di Orsago, che si è poi rivolto ai carabinieri di Cordignano per sporgere denuncia. Ad indagare sulla vicenda sono ora i carabinieri di Vittorio Veneto: non si esclude per ora nessuna ipotesi. Il sindaco di Cappella Maggiore, Vincenzo Traetta, da noi interpellato, ha riferito di non essere stato a conoscenza dell'episodio. «La loro è una presenza discreta»: spiega il primo cittadino.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Crisi cardiaca alla festa di nozze: bimbo di un mese perde la vita

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento