Prenota una stanza in hotel, poi si spara. Accanto al corpo la pistola e un ultimo biglietto

Sconvolgente ritrovamento giovedì mattina in un albergo dell'Alta Padovana, dove un uomo trevigiano si è tolto la vita sparandosi. Avrebbe lasciato un biglietto per spiegare il gesto

L'intervento dei carabinieri, archivio

Ha scelto un piccolo hotel di Campagnalta, dove l'Alta Padovana confina con le province di Vicenza e Treviso. Tra le campagne e un pugno di case e fabbriche, ha deciso di farla finita.

Trevigiano di 52 anni, mercoledì sera è arrivato nella struttura. Ci ha passato la notte senza che nessuno del personale notasse alcunché di strano, fino a stamattina. Un colpo di pistola ha scosso la tranquillità dell'albergo e quando il titolare si è precipitato verso la camera dell'uomo era ormai troppo tardi. Ha spalancato la porta, trovandosi davanti una scena tremenda. L'uomo era riverso nella stanza in una pozza di sangue.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle 10.30 sono arrivati i carabinieri di San Martino di Lupari per il sopralluogo e l'avvio delle indagini. Fin da subito sono stati ben pochi i dubbi sul fatto che si sia trattato di un suicidio: accanto al corpo, che presentava un foro di proiettile, c'era la Beretta regolarmente detenuta dall'uomo. Poco lontano un biglietto scritto a mano, a cui il 52enne ha affidato la spiegazione per quel tragico gesto. Informato il pubblico ministero, il cadavere è stato ricomposto e trasferito all'obitorio dell'ospedale di Cittadella dove resterà a disposizione dell'autorità giudiziaria che nelle prossime ore deciderà se richiedere l'autopsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento