A Treviso arriva il 'Business game' sulla responsabilità sociale d'impresa

Nell’ambito del progetto Responsabilmente, il workshop organizzato da UNIS&F con la collaborazione di Animaimpresa e The Business Game srl

TREVISO Arriva a Treviso un «business game» per comprendere la valenza strategica della Responsabilità sociale d’impresa. Una modalità alternativa, competitiva e coinvolgente, per capire quali possono essere gli effetti delle politiche di Corporate social responsibility (Csr) in azienda, coniugando i modelli teorici con l’esperienza concreta dei piccoli e medi imprenditori veneti. È questo il modello del workshop «Alla scoperta del Veneto responsabile. Responsabilità Sociale: come un approccio responsabile può migliorare il business aziendale» organizzato da UNIS&F, società di servizi e formazione delle Unioni degli Industriali delle province di Treviso e Pordenone, per martedì 19 giugno dalle ore 14 alle 18 presso la sede UnisefLab di Via Venzone, 12 a Treviso.

L’incontro darà la possibilità a imprenditori, manager, collaboratori e risorse aziendali di approfondire alcuni concetti e modelli chiave della Csr, grazie alla partecipazione dell’esperta di Responsabilità sociale d’impresa Romina Noris, e di mettersi in gioco in prima persona partecipando all’innovativo format del «Csr Business Game» ideato da Animaimpresa e da The Business Game srl per sperimentare, in particolare, lo strumento dello stakeholder engagement. Il workshop è finanziato dalla Regione Veneto nell’ambito del POR FSE 2014-2020 e del progetto «Dalla responsabilità sociale d’impresa alla competitività responsabile d’impresa – il modello veneto» (cod. 35-1-948-2016 DGR 948/2016 – Responsabilmente Promuovere l’innovazione sociale e trasmettere l’etica - Percorsi di RSI). Per informazioni e iscrizioni si può contattare l’Area formazione finanziata di Unisef (Tel. 0422 916477 / 422 E-mail: gestfin@unisef.it).

I partecipanti si divideranno in squadre: ogni squadra rappresenterà un’azienda che, attraverso un applicativo web, dovrà assumere delle decisioni di CSR e valutare l’impatto di tali politiche sulla gestione strategica aziendale. Il modello simulerà, attraverso quattro fasi di gioco, un periodo di vita dell’azienda, valutandone le ripercussioni pratiche anche nei due anni di gestione successiva. Attraverso un’analisi di breve e di medio-lungo periodo sarà possibile identificare l’impresa vincitrice, ovvero quella che è riuscita ad adottare le pratiche “responsabili” più efficaci rispetto al proprio business, coinvolgendo al meglio gli stakeholders. «Un’impresa può definirsi socialmente responsabile – spiega Andrea De Colle di Animaimpresa – se si dota di approcci e strumenti che integrano la gestione economica e finanziaria con tematiche ambientali, etiche, di rispetto dei diritti umani e dei consumatori. Per questo è fondamentale creare rapporti di qualità con i propri stakeholder, o portatori d'interesse. Il “Csr Business Game” che abbiamo ideato è uno strumento che, favorendo il coinvolgimento e la partecipazione dei diretti interessati, si dimostra ideale per far comprendere la valenza strategica della responsabilità sociale d’impresa e come questa vada introdotta in azienda. Non solo nelle big company, ma anche nelle piccole e medie imprese». Alle imprese che parteciperanno all’incontro verrà offerta la possibilità di visitare, nel mese di giugno prossimo, una realtà aziendale eccellente nell’ambito dell’adozione di pratiche sulla CSR e di comunicazione delle stesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteriosa scia luminosa solca i cieli tra le province di Treviso e Venezia

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Sparisce di casa andando a fare la spesa: ritrovato nella notte

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Male incurabile, addio a Lorenza Pampagnin: anima del commercio locale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento