Abaco di Montebelluna: un convegno sullo smart parking in provincia di Rieti

L'evento in programma martedì pomeriggio 25 giugno a Poggio Mirteto. Organizzato dalla divisione SmartCities di Abaco Spa insieme all'Unione dei Comuni della Bassa Sabina e alla Comunità Montana Sabina.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Abaco SmartCities di Montebelluna, insieme all'Unione dei Comuni della Bassa Sabina e alla Comunità Montana Sabina, martedì 25 giugno alle ore 17.30 a Poggio Mirteto (Rieti) organizza un convegno su "Fare Smart Parking in Italia". L’evento è rivolto principalmente agli amministratori pubblici e ai tecnici dei Comuni dell’Unione della Bassa Sabina, ovvero Cantalupo in Sabina, Forano, Montopoli di Sabina, Poggio Mirteto, Salisano, Stimigliano, Tarano, Torri in Sabina. L’iniziativa è supportata anche dai partner tecnologici di Abaco SmartCities, ossia Input per i parcometri, Intercomp per i sensori di parcheggio e le APP, Hub per le barriere e le casse automatizzate. I relatori del convegno saranno il presidente di Abaco Spa, Loris Targa, che introdurrà i lavori, con Luca Gatto, business developer di Abaco SmartCities,il quale tratterà dell’importanza di valutare in anticipo la sostenibilità economica, tecnica e gestionale di un progetto di sosta a pagamento, qualunque sia la realtà di riferimento. La riflessione partirà dall’analisi del modello Smart Parking applicato con successo a Negrar di Valpolicella (VR), esempio virtuoso grazie alla perfetta integrazione creata tra i diversi interlocutori coinvolti, ciascuno specializzato in un determinato ambito, e al dialogo trasparente e costruttivo instaurato con il Comune, tenendo conto delle richieste dei cittadini.

«Interfacciandoci quotidianamente con Enti pubblici e privati – spiega Luca Gatto di Abaco SmartCities – ogni giorno tocchiamo con mano la difficoltà oggettiva delle organizzazioni di realizzare progetti di sosta a pagamento idonei al contesto di riferimento. Sovente si parte da aspettative non adeguatamente calibrate alla realtà, premessa di un sicuro fallimento per qualunque iniziativa applicata. Ecco perché cerchiamo di organizzare eventi come questo, di confronto diretto con gli amministratori e i tecnici comunali: per spiegare loro lo spettro di possibilità che un Comune, anche di piccole dimensioni, ha di fronte, per gestire in modo ottimale la sosta a pagamento nei centri urbani, garantendo ordine, una buona mobilità, riducendo in modo significativo traffico e inquinamento, generando cittadini contenti e soddisfatti, in molti casi realizzando anche un utile interessante per il Comune, che può essere reinvestito in opere utili per l’intera comunità. Tutto ciò è possibile, purché ci si affidi al partner giusto, competente e preparato come Abaco, in grado di accompagnare i suoi clienti alla meta, con la gradualità e l’efficacia richieste».

Torna su
TrevisoToday è in caricamento