Fondazione Nord Est e FriulAdria: intesa sull'agricoltura sostenibile

Siglata la partnership con Crédit Agricole FriulAdria, partner onorario di Fondazione Nord Est. Sosterrà la ricerca sui cambiamenti climatici e sulle innovazioni delle aziende

Fondazione Nord Est e Crédit Agricole FriulAdria hanno siglato un accordo di collaborazione. La partnership, che consentirà alla banca di entrare formalmente nel novero dei Partner Onorari della Fondazione, prevede diversi ambiti di cooperazione tra le parti.

Più in particolare, la collaborazione si svilupperà nell’ambito dell’attività che la Fondazione realizza sui temi della sostenibilità e del cambiamento climatico per comprendere come già oggi e in prospettiva tali trend influenzeranno i sistemi economici e sociali, anche a Nord Est. Nello specifico, si affronterà la questione del clima e del suo impatto sui principali settori produttivi. A partire dal settore agricolo, più di altri soggetto agli effetti dei cambiamenti climatici in corso, ma ancor più luogo in cui immaginare e sperimentare soluzioni e innovazioni in grado di ridurre le conseguenze del cambiamento climatico ed allo stesso tempo ottenere incrementi di produttività e reddito. La sostenibilità e l’innovazione, in ambito agroalimentare e non solo, sono due linee guida del gruppo Crédit Agricole, operativo in Friuli Venezia Giulia e Veneto attraverso FriulAdria. Per questo la banca ha scelto di affiancare l’osservatorio di Fondazione Nord Est su questo tema e di mettere i risultati della ricerca a disposizione delle aziende attraverso incontri che verranno organizzati sul territorio. Obiettivo di Crédit Agricole FriulAdria è infatti quello di promuovere lo sviluppo economico sostenibile in un’area del Paese dove già esiste una notevole sensibilità da parte del tessuto produttivo. Dichiara Carlo Carraro, direttore Scientifico della Fondazione Nord Est: «Il cambiamento climatico è una delle grandi sfide che il mondo imprenditoriale deve saper cogliere. Le sue conseguenze sono già evidenti, soprattutto nel settore agricolo. Serve quindi la capacità di innovare non solo per migliorare la qualità dei prodotti, ma anche per adattare le nostre produzioni al clima che cambia, rendendole più resilienti o avviandone di nuove. L’innovazione porta benefici non solo ai settori più colpiti dal cambiamento climatico, ma al sistema tutto, garantendo nuova occupazione, rendendo gli investimenti bancari e le coperture assicurative meno rischiose, stimolando un modello di sviluppo che può dare nuova competitività al mondo imprenditoriale».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Salute

    Tubercolosi, altri due bambini colpiti a scuola dalla malattia

  • Cronaca

    Incendio in una stalla: morti due cavalli e due persone intossicate

  • Incidenti stradali

    Motociclista si scontra con un'auto, gravissimo in ospedale

  • Attualità

    Cadavere trovato nel bosco, è l'80enne disperso in Val Tovanella

I più letti della settimana

  • Malore fatale nel sonno: imprenditrice perde la vita a 53 anni

  • Vendono arance fingendosi amici dei passanti ma è tutta una truffa

  • Bollette del gas alle stelle: sotto accusa i nuovi contatori

  • Schiacciato da una lastra in acciaio: operaio muore in azienda a 25 anni

  • Malore alla guida, si schianta contro un albero e muore a 51 anni

  • Rapina al Famila, clienti terrorizzati: banditi in fuga con 10mila euro

Torna su
TrevisoToday è in caricamento