Anniversario per Spi alle “Case Rosse”: il polo professionale montebellunese compie 10 anni

Giovannibattista Sernaglia, commercialista e socio fondatore di Studi Professionali Integrati: “Professionisti punto di riferimento per le imprese in tempi burrascosi”

E’ trascorso un decennio da quando il complesso a Montebelluna noto come “Case Rosse” diveniva la sede di un ambizioso progetto professionale che oggi segue più di 1100 clienti, per la maggior parte, oltre il 90%, imprese con sede nel trevigiano. Numeri importanti cui corrisponde una struttura che conta circa una ventina di professionisti ed altrettanti collaboratori. Si tratta di Studi Professionali Integrati, un network di commercialisti, avvocati e consulenti del lavoro, in grado di offrire un servizio integrato alle imprese del territorio che nel corso di questi anni hanno dimostrato di apprezzare il progetto nato dall’intuizione di quattro soci fondatori.

«Questa struttura professionale» spiega Giovannibattista Sernaglia, commercialista e socio fondatore di SPI “nasce oltre vent’anni fa con l’obbiettivo di garantire alle imprese un presidio di professionalità complementari che potessero accompagnare lo sviluppo della piccola e media impresa trevigiana in un contesto economico particolarmente favorevole”. Uno scenario che in pochi anni è radicalmente mutato “ma che abbiamo cercato di interpretare e non subire” Continua Sernaglia “Questo territorio in pochi anni ha vissuto burrascosi cambiamenti: la violenta recessione economica, il drastico crollo della manifattura, le vicende che hanno segnato l’epilogo non indolore del sistema bancario “veneto”. Il nostro polo professionale ha voluto porsi come punto di riferimento per le imprese che necessitavano interpretare il cambiamento, creando nuove opportunità».

Una realtà quella dello Studio montebellunese che opera a tutti gli effetti con numeri e dimensioni delle realtà professionali milanesi, ma che rivendica la propria vocazione territoriale, spiega Francesco Sernaglia Avvocato ed altro socio fondatore di SPI “nella nostra identità sta la continua relazione con le realtà territoriali, dalle Associazioni di Categoria alle Istituzioni, siamo profondamente convinti del ruolo sociale che debba accompagnare il lavoro del professionista». Non a caso le “Case Rosse” hanno ospitato in questi anni diverse iniziative rivolte alle imprese su tematiche di rilevante interesse economico e sociale.

Ultima in ordine di tempo la presenza dell’ex ministro Edo Ronchi per un simposio dal titolo “Verso la Green Economy” parte del «Combinazioni Festival”, oltre alla presentazione di una pubblicazione sui nuovi strumenti a disposizione delle imprese per la difesa del know how “la sfida del futuro, in un contesto mondiale violentemente competitivo è quella di difendere l’identità, il “saper fare” dell’impresa veneta” avverte Sernaglia. Un polo professionale che conta numeri importanti, oltre 40 tra professionisti e collaboratori con una media d’età inferiore ai 40 anni “è per noi motivo d’orgoglio costituire un’opportunità peri giovani professionisti che non si arrendono all’idea di dover necessariamente trovare altrove la loro strada”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Travolto e ucciso da un treno, la morte di Marco Cestaro fu un suicidio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento