Banca Prealpi SanBiagio: nasce la più grande Bcc del Triveneto

Il nuovo istituto ha attivi di bilancio pari a 3,7 miliardi, una raccolta globale di oltre 4,5 miliardi e un Cet-1 Ratio del 20,2%. Carlo Antiga è stato nominato presidente

In foto, da sinistra, Carlo Antiga, presidente Bcc Prealpi e Luca De Luca, presidente Bcc San Biagio

Nasce Banca Prealpi SanBiagio, il nuovo istituto di credito cooperativo che prende vita dall’unione tra Bcc San Biagio del Veneto Orientale e Bcc Prealpi. L’operazione, frutto di una valutazione di carattere industriale, è stata approvata dai soci in occasione delle assemblee svoltesi, rispettivamente, sabato 18 maggio alla Fiera di Pordenone e domenica 19 maggio presso la Zoppas Arena di Conegliano. La nuova realtà bancaria diventerà operativa a partire dal prossimo 1 luglio.

Vede la luce così, dopo un lungo percorso, la più grande banca cooperativa del Triveneto, nella top 5 delle Bcc italiane per dimensioni e la prima banca del Gruppo Cassa Centrale per partecipazione azionaria. Banca Prealpi SanBiagio può contare su una compagine sociale composta da circa 19mila soci e punta a superare i 130mila clienti. Il nuovo istituto mostra profili finanziari e patrimoniali solidi e di primario livello. Banca Prealpi SanBiagio può infatti contare su attivi di bilancio pari a 3,7 miliardi di euro e una raccolta globale di 4,56 miliardi di euro. La nuova Banca, che vanta un patrimonio sociale di circa 350 milioni di euro, si presenta sul mercato con un rapporto tra crediti deteriorati (NPL) e impieghi di gran lunga inferiore all’8% (una soglia che il Gruppo Cassa Centrale si è prefissato di raggiungere entro il 2021, e sotto la quale Banca Prealpi SanBiagio si troverà invece fin dalla sua nascita) un TIER-1/CET-1 Ratio del 20,2% e un Texas Ratio pari al 48,6%. Tutti indicatori con valori medi molto elevati che consentono, secondo gli analisti che hanno esaminato la posizione di partenza, di poter contare su basi molto solide sulle quali costruire politiche di espansione ambiziose.

Quella tra Bcc Prealpi e Bcc San Biagio del Veneto Orientale, infatti, è un’integrazione dettata da valutazioni di carattere squisitamente industriale, volta a conseguire obiettivi di efficientamento, rafforzamento dei margini da servizi e mantenimento di una positiva qualità degli attivi creditizi. La maggiore dimensione, nel contesto competitivo e regolamentare in cui le Bcc si ritrovano attualmente a operare, e a condizione di conservare la giusta identità territoriale che è carattere distintivo del credito cooperativo, rappresenta un elemento essenziale per continuare a generare valore, grazie a economie di scala e di scopo tali da consentire una maggiore produttività e destinare maggiori risorse allo sviluppo commerciale. In occasione delle assemblee dei soci, sono stati nominati anche i componenti della governance del nuovo istituto: presidente di Banca Prealpi SanBiagio sarà Carlo Antiga, già presidente di Banca Prealpi; vicepresidente vicario di Prealpi SanBiagio sarà un esponente in quota Banca San Biagio; vicepresidenti sono Flavio Salvador e GianPaolo De Luca; direttore generale è Girolamo Da Dalto, che ricopriva lo stesso incarico nella banca di Tarzo; Vicedirettore Vicario è Valter Franco, in quota Bcc San Biagio, mentre il vicedirettore sarà Mario Marcon.

Grande soddisfazione è stata espressa da Carlo Antiga, presidente di Banca Prealpi SanBiagio: «Banca Prealpi SanBiagio intende perseguire ancora meglio i princìpi del credito cooperativo, che restano al centro della nostra realtà: offrire il miglior servizio e i più alti standard di sicurezza alle migliori condizioni possibili per i nostri soci e clienti. È un passaggio importante, che testimonia una forte volontà di essere incisivi sul mercato. Banca Prealpi SanBiagio sarà capace di affrontare l’avvenire in maniera più solida e saprà farsi trovare pronta agli scenari futuri, operando in modo più efficiente ed efficace: saremo in grado non solo di perseguire meglio economie di scala e di scopo, ma anche di mettere a fattor comune le migliori prassi e i servizi d’eccellenza delle precedenti esperienze. Inoltre, riusciremo a presidiare ancor meglio i territori, con una diffusione ampia e capillare su un’area economicamente dinamica, che spazia dalle Prealpi trevigiane al litorale veneziano e permette una maggiore diversificazione degli investimenti». Luca De Luca, presidente uscente di Banca San Biagio, ha affermato: «Banca Prealpi SanBiagio nasce per venire incontro alle esigenze di nuovi settori di mercato, dai millennials alle startup. La solidità della nuova realtà bancaria ci dà infatti la possibilità di liberare risorse per nuovi investimenti sui territori e migliori servizi, per poter essere così in grado di fungere veramente da stimolo allo sviluppo delle comunità locali. La vicinanza al socio continuerà a essere al centro dell’agire della nostra banca e si tradurrà in un rinnovamento dell’impegno cooperativo e creditizio verso le comunità e i territori di competenza. Nessuno sarà lasciato indietro. Con Banca Prealpi SanBiagio vogliamo rappresentare un modello cooperativo attrattivo non solo per i motivi etico-solidaristici che da sempre ci contraddistinguono, ma anche sotto l’aspetto dell’offerta bancaria da proporre ai nostri soci e clienti attuali e a quelli che vorranno aderire in futuro alla nostra realtà».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Legato in un bosco e picchiato per vendetta: nei guai anche un'influencer trevigiana

  • Incidente in motorino, Roberto Artuso muore dissanguato in Congo

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Tumore incurabile, papà Fabio muore in pochi mesi a 51 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento