Fattura elettronica: «L’Italia non è pronta a questa innovazione»

La voce protesta di Raffaele Baratto, parlamentare di Forza Italia in commissione finanze

«Le abbiamo provate tutte per convincere il governo a rinviare al 2020 l'entrata in vigore della fatturazione elettronica»: afferma Raffaele Baratto, parlamentare di Forza Italia in commissione finanze che più volte ha stigmatizzato l’indifferenza del governo sul tema ed ha negli scorsi mesi anche promosso una petizione contro la fatturazione elettronica. «Ministri e sottosegretari intervenuti -spiega- hanno continuato a ripeterci che non c'era motivo per rimandare. La verità è’ che l’unico motivo per cui l’Italia ha introdotto la fattura elettronica e’ per soddisfare la voracità dell’Agenzia delle Entrate e del Governo a caccia di risorse per finanziare il reddito di cittadinanza,  non vedono l’ora di mettere le mani sul tesoretto a spese di artigiani ed imprese».

«L’Italia non è pronta a questa innovazione, siamo tra gli ultimi in Europa in investimenti digitali, con un gap di 25 miliardi con gli altri paesi. Ed infatti gli operatori che ieri hanno cercato di inviare le prime fatture elettroniche hanno sperimentato il nuovo portale dell'Agenzia delle Entrate che era già andato off line per problemi tecnici. Ci sarebbe da scherzarci sopra se tutto questo non costasse milioni nei prossimi mesi alle piccole e medie imprese -continua Baratto- in questi mesi precedenti l’introduzione sono emerse chiaramente tutte le criticità di uno strumento che crea solo disagi. E’ stato così mal progettato che l’Agenzia non è’ stata nemmeno in grado di garantire la compliance con la nuova normativa sulla privacy, richiesta invece anche ai piccoli artigiani con costi ingenti. Il rischio ulteriore dunque e’ di vedere milioni di dati commerciali e riservati delle impreee diffusi senza tutela».

«L’introduzione della e-fattura -conclude Baratto- conferma per l’ennesima volta che piccole e medie imprese siano le uniche a pagare il conto salato delle decisioni di questo Governo».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • La fatturazione elettronica è presente nella legge di bilancio del 2018.. votata e approvata solo dal PD.. Anche se dovesse esserci un “conto salato” da pagare, non è sicuramente per colpa di “QUESTO GOVERNO”.. che non l’ha ne votata ne sostenuta..

  • BUFALA !!! La fatturazione elettronica è presente nella legge di bilancio del precedente governo.. Quindi “QUESTO GOVERNO” non l’ha votata.. ne M5S ne Lega.. e non l’ha votata nessun altro partito a parte il PD.. Poi.. non crea nessun problema.. come tutte le cose nuove, necessita di un periodo di “rodaggio”.. senza fare allarmismo solo per fini elettorali.. vergogna !!!

Notizie di oggi

  • Attualità

    Smog, torna l'allerta arancio: blocchi al traffico nel fine settimana

  • Incidenti stradali

    Malore alla guida, perde il controllo dell'auto e si schianta contro un distributore

  • Attualità

    Deputato di Fratelli d'Italia parteciperà alla conferenza sulle foibe al Django

  • Attualità

    Crisi Stefanel, il PD: «Una tragedia annunciata»

I più letti della settimana

  • Scende dall'auto per salvare un gufo a bordo strada: morta investita una 26enne

  • Sperona l'auto dei carabinieri, scende e la prende a picconate

  • Violentata dai colleghi alla cena aziendale: il caso finisce in tribunale

  • Tremendo schianto camion-auto sulla Noalese, un morto

  • «Imprenditore non trova operai? Applichi contratto giusto»

  • Kathrina si è spenta troppo presto: a soli 20 anni una leucemia se l'è portata via

Torna su
TrevisoToday è in caricamento