Veneto, la Regione approva il bilancio con 2 mesi di anticipo

Entusiasta il Governatore Zaia: «Per il decimo anno consecutivo il Veneto è Regione tax free». Varata in pieno agosto la manovra che contiene il capitolo dedicato alle Olimpiadi

Luca Zaia (Foto d'archivio)

«Con questa manovra siamo al decimo anno di un bilancio tax free. Significa che non imponiamo ai cittadini alcuna addizionale Irpef e quindi non mettiamo le mani nelle tasche dei Veneti per circa un miliardo e 179 mila euro all’anno. È una precisa scelta, al tempo stesso non tagliamo servizi. È indubbiamente un segnale di efficienza, siamo l’unica regione in Italia a farlo. Il cittadino veneto sa che quando sulla busta paga legge i riferimenti all’Irpef si tratta solo della quota base, imposta a livello nazionale con la dicitura ingannevole che ha introdotto il governo Monti».

Ha esordito così il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel presentare l’approvazione della proposta di Legge di Bilancio, Legge di Stabilità e relativo Collegato 2020-2022, avvenuta martedì 20 agosto da parte della Giunta regionale. Un documento che, per il 2020, è del valore di circa 16 miliardi di euro. «In pieno agosto, il Veneto vara la manovra di Bilancio per il prossimo triennio. Lo fa con due mesi di anticipo rispetto a quanto viene fatto normalmente dagli enti territoriali e, addirittura, appena un mese dopo la parifica totale del rendiconto 2018. Nel giro di un paio di mesi contiamo possa svolgersi tutta la discussione in Consiglio. Tempi rapidi, significano iniziare l’anno entrante con risorse certe e immediatamente disponibili per gli organi regionali e, quindi, dare rapidamente ai cittadini e alle imprese venete le risposte necessarie senza incertezze o rallentamenti burocratici. Se guardiamo l’evoluzione dei bilanci da quando questa Amministrazione è in carica – prosegue il Governatore – sicuramente si nota una cura dimagrante; basta pensare che dieci anni fa abbiamo trovato la disponibilità di cassa libera che ammontava a mezzo miliardo di euro, oggi è una partita che gestiamo con cinquanta milioni a causa dei tagli statali negli anni scorsi. Tagli che, però, siamo riusciti a non far gravare sui cittadini e sulle imprese. Da quando ci siamo noi, ad esempio, i fondi comunitari sono impiegati totalmente, e bene, perché c’è stato il coraggio di prendere sessanta milioni di euro all’anno e destinarli in bilancio a cofinanziare dal primo giorno i contributi europei. In poche parole: una sfida, quella di mettere i soldi subito sul tavolo ed evitare attese e agonie ai destinatari. L’accesso ai fondi, oggi, è eccellente; siamo citati a livello internazionale come una regione efficiente e di riferimento per le buone pratiche».

La manovra varata nelle scorse ore è anche quella che per la prima volta apre il capitolo dedicato alle Olimpiadi Invernali del 2026. «Nel prossimo triennio – sottolinea Zaia - sono previsti investimenti per 112,5 milioni. Nella somma sono compresi anche gli accantonamenti come garanzia immediata al CIO a conferma della buona volontà del Veneto di portare a buon fine l’evento.  Da parte nostra non c’è alcuna incertezza; tutte le risorse resteranno sul territorio e conclusi i giochi torneranno ad essere disponibili nuovamente. Si tratta di un investimento eccezionale e senza precedenti. Come hanno certificato gli esperti di tre eccellenti università, le Olimpiadi invernali di Milano e Cortina saranno lo straordinario fattore di uno sviluppo economico, in grado di incidere positivamente sul Pil prima, durante e dopo l’evento. Un’infrastrutturazione moderna valorizzerà ulteriormente la nostra regione e la sua immagine nel Mondo. Ci prepariamo a gestire, bene come sappiamo fare noi veneti, una grande occasione e un prezioso investimento per la nostra terra e le sue future generazioni. Questo - conclude il Presidente, sottolineando come il documento contenga anche una voce dedicata alle elezioni regionali del 2020 – è l’ultimo bilancio di questa Giunta. È solido, pulito. Lasciamo i conti in ordine». 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Cosa fare a Treviso e provincia nel weekend: tre giorni di feste e divertimento

  • Autotreno pieno di ghiaia si ribalta in strada: traffico in tilt

  • Camper sbanda e distrugge una balaustra del ponte di Vidor: gravi disagi al traffico

Torna su
TrevisoToday è in caricamento