Capannoni dismessi: Assindustria vuole rigenerare il territorio dalle aree produttive

Questo il progetto di Assindustria Venetocentro, Province e Camere di Commercio di Padova e Treviso e Bim Piave per un nuovo "Rinascimento". Nelle province di Padova e Treviso 32mila capannoni, il 34,8% del Veneto (92mila)

Trasformare aree produttive, capannoni industriali oggi dismessi o degradati, figli dell’economia pre-crisi, da costo ambientale, sociale ed economico a patrimonio da rivitalizzare (stimato in 3,9 miliardi) attraverso il recupero, riconversione o demolizione per un nuovo Rinascimento. È questo il punto non più rinviabile, in un Veneto che conta più di 92mila capannoni industriali (32mila a Padova e Treviso), sparsi in 5.679 aree produttive (per 41.300 ettari di terreno), che coprono il 18,4% della superficie ‘consumata’. Molti dei quali (11mila, il 12% del totale) dismessi e inutilizzati. E ciò può avvenire solo attraverso un’azione di indirizzo e di policy che faccia cultura, urbanistica, progettuale e amministrativa, e che incida nel medio-lungo periodo. Un risultato che passa (anche) da un’efficiente gestione dei ‘big data’.

È questo il fulcro del progetto “Capannoni OnOff” promosso da Assindustria Venetocentro Imprenditori Padova Treviso e sottoscritto venerdì nella sede di rappresentanza di Palazzo Giacomelli a Treviso dal Presidente Massimo Finco e dal Presidente Vicario Maria Cristina Piovesana. Con loro i rappresentanti degli Enti istituzionali partner dell’iniziativa: le Province di Padova e di Treviso, rappresentate dai rispettivi Presidenti Fabio Bui e Stefano Marcon, le Camere di Commercio di Treviso-Belluno e di Padova, con i Presidenti Mario Pozza e Antonio Santocono, e il Consorzio Bim Piave, con il Presidente Luciano Fregonese.

“Capannoni OnOff” punta alla rigenerazione e riassetto di un territorio che ha conosciuto il decollo economico in passato, grazie alla disponibilità di aree produttive, ma anche a un’occupazione estensiva e spesso frammentata del territorio. Ma che ora punta ad un nuovo modello di insediamento, attrezzato e vicino ai grandi assi infrastrutturali, a un sistema più razionale e sostenibile di gestione del suolo, per le attività produttive ma anche per la residenzialità e le altre funzioni economiche sociali (commercio, turismo, mobilità, educazione, cura e assistenza). Sulle aree produttive e i capannoni l’attenzione di Assindustria è stata particolarmente presente, fin dalla redazione a inizio anni ’90 del primo Atlante delle aree industriali, poi nel decennio successivo il progetto QUAP (Qualità Urbana Aree produttive) fino agli ultimi appuntamenti dedicati alla rigenerazione, riuso (o demolizione) degli spazi produttivi.

“Capannoni  OnOff” parte da questa esperienza e propone, per Padova come per Treviso, una grande opera di ricognizione, conoscenza di aree ed edifici produttivi presenti nel territorio delle due province, caratteristiche, stato, sottoservizi, infrastrutture. Si tratta di censire circa 32mila capannoni (il 34,8% del Veneto) per una superficie di 14.200 ettari, raccogliendo, omogeneizzando e mettendo a fattor comune le banche dati di enti (Comuni, Province), catasto, ma anche dei fornitori di  utilities e altri soggetti (come Anas, gestori di reti/infrastrutture come Telecom, Enel ma anche Google Maps) per creare un unico data base condiviso e accessibile, di facile lettura, attraverso un portale internet dedicato (Atlante telematico). Dalla cartografia alla geolocalizzazione, dalla dispersione all’interoperabilità dei dati, sempre aggiornati, per la ricerca online. Disponibile ad enti ed amministrazioni pubbliche, progettisti, imprese, alla multinazionale che ricerchi un’area in cui insediarsi (o da riqualificare) o alla Pmi che voglia ampliarsi.

«È, crediamo, il primo progetto in Italia che mappa aree ed edifici produttivi, proprietà, stato, utilizzo attuale, tanto più in un territorio così esteso - dichiara Massimo Finco, Presidente di Assindustria Venetocentro - L’obiettivo è molteplice: supportare le Amministrazioni pubbliche nelle loro politiche urbanistiche e infrastrutturali secondo standard comuni e condivisi, favorire le scelte di possibili investitori interessati al riutilizzo di edifici, promuovere un modello urbanistico meno rigido nelle destinazioni d’uso. Infine, anche un controllo degli spazi dismessi. Il Veneto ha tutte le caratteristiche per ambire ad essere un modello di rigenerazione, recupero e riuso del territorio e dei capannoni, dismessi o inutilizzati. Se a una buona Legge regionale, sapremo aggiungere una cultura nuova, che riguarda le nuove traiettorie dell’economia digitale, la flessibilità normativa per le imprese che vogliono crescere e restare sul territorio, la diffusione delle migliori tecnologie edificatorie. E anche un forte investimento pubblico e meccanismi premiali, come crediti edilizi, incentivi fiscali o contributi pubblici di Regione ed enti locali, per stimolare gli investimenti privati e la trasformazione del nostro territorio. Una rinascita che cambi in meglio le aree produttive e urbane, e una straordinaria opportunità per il Veneto di reagire a una fase economica difficile e alla recessione».

«Prevediamo di arrivare a regime entro l’inizio del 2020 - afferma Maria Cristina Piovesana, Presidente vicario di Assindustria Venetocentro - in tre fasi: ricognizione delle aree produttive nelle province di Padova e di Treviso, individuazione dei singoli edifici e dei lotti liberi con costruzione della banca dati, elaborazione dell’atlante telematico, che sarà poi costantemente aggiornato. Per quanto riguarda Assindustria Venetocentro, consentirà di valorizzare il ruolo delle otto Delegazioni di territorio nella relazione con le Amministrazioni comunali e degli altri soggetti pubblici e privati. L’obiettivo è promuovere politiche di medio-lungo periodo nella programmazione dello sviluppo del territorio, incentivando la riqualificazione, la rigenerazione, il riuso e, se necessario, l’abbattimento degli edifici non più idonei. Consentirà anche di mettere ancor meglio in rete gli imprenditori che operano in una stessa area per elaborare possibili collaborazioni su progetti e servizi comuni (infrastrutture, mense, asili per i collaboratori e le loro famiglie). Crediamo infine che aree produttive di qualità siano attrattive anche di nuovi investimenti e insediamenti produttivi, con creazione di nuova occupazione. E anche questo verrà favorito dal nuovo ‘atlante’ telematico che andremo ad elaborare». 

«Per la Provincia di Treviso - dichiara il suo Presidente, Stefano Marcon - la riqualificazione e valorizzazione delle aree produttive rappresenta da sempre una tematica di grande rilevanza strategica che, a partire dalla realizzazione nel 2005 con Assindustria Venetocentro di un atlante denominato Q.U.A.P. “Qualità Urbanistica delle Aree Produttive”, ha trovato poi nel Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale la collocazione istituzionale per una definizione puntuale e mirata delle politiche di riordino e sviluppo sostenibile. Il progetto “Capannoni OnOff” sancisce  ancora una volta l'importanza dell'alleanza strategica fra Pubblica Amministrazione e Associazioni imprenditoriali. Il sistema economico-territoriale necessita di moderni e trasparenti strumenti di ricerca e di gestione, al passo con le dinamiche economiche e coerenti con la sostenibilità ambientale e con le politiche di pianificazione urbanistica e territoriale».

«È un progetto - sottolinea Fabio Bui, Presidente della Provincia di Padova - che prende in considerazione un problema importante, ma che può trasformarsi in grande opportunità. Partendo da una puntuale ricognizione del territorio, potremo davvero favorire i processi di rigenerazione, valorizzazione e riqualificazione ambientale. Dobbiamo far fronte al cambiamento in modo dinamico, ma tenendo in considerazione un'attenta pianificazione urbanistica. La Provincia di Padova ha avuto la coraggiosa intuizione di far entrare nella sua pianificazione l’idea di un uso equilibrato del suolo, vero indicatore di qualità di vita. Ecco, credo sia importante continuare a sederci attorno a un tavolo con tutte le categorie interessate per pensare al bene del territorio, perché il suolo è qualcosa che nessuno mai ci potrà restituire. Questo protocollo d’intesa  traccia la via per guardare alla modernità senza rinunciare alla difesa dell’ambiente e della bellezza del contesto rurale e turistico che ci circonda».

«Investire nella riqualificazione delle aree produttive dismesse - dichiara Antonio Santocono, Presidente della Camera di Commercio di Padova - significa trasformare un problema in un punto di forza e restituire al territorio nuovi spazi di valore, incrementandone l’attrattività. Con questo protocollo d’intesa la Camera di Commercio di Padova vuole porre l’attenzione sull’importanza di mappare in maniera efficace le aree da rigenerare per creare nuove opportunità per l’industria e lo sviluppo competitivo del territorio, e sulla necessità che il territorio interessato sia dotato di un sistema infrastrutturale utile alla ulteriore valorizzazione dell'iniziativa. Non dimentichiamo che le industrie sono strettamente intrecciate ai cicli di vita del territorio in cui sorgono. Ciò rende queste aree e strutture ancora più importanti e assolutamente meritevoli di poter vivere una “seconda vita”, ancor meglio se al servizio di quello stesso territorio».

«Con questo accordo - dichiara Mario Pozza, Presidente della Camera di Commercio di Treviso-Belluno e di Unioncamere Veneto - non sigliamo soltanto un censimento anagrafico e una mappatura del territorio, ma un archivio di dati interconnessi che "interrogati" ci permetteranno di definire nuove strategie in un'ottica, possiamo dire, di economia circolare. Si tratta, infatti, di reinserire in un circuito virtuoso gli edifici che hanno reso competitivo il nostro territorio, per renderlo ancora competitivo nei nuovi modelli economici che si presentano nell'immediato futuro e in una pianificazione strategica».

«Ritengo la valenza del progetto assolutamente strategica - afferma Luciano Fregonese, Presidente BIM Piave - Coordinare le banche dati specifiche di vari soggetti, per creare un valore aggiunto che vada ben oltre la specifica sommatoria e che diventi strumento di servizio operativo e di supporto strategico sarà una sfida complessa ma di assoluta innovazione. I Consorzi BIM Piave di Treviso e Belluno, con unica piattaforma condivisa, sono già gestori di tutti i dati dei vari strati informativi per oltre 100 comuni del Veneto e  BIM Piave di Treviso è ben lieto di mettere a disposizione la  propria piattaforma web per la gestione dei dati integrati di tutte le banche dati dei soggetti coinvolti. Conoscere è indispensabile per gestire e pianificare lo sviluppo dei nostri territori».

capannoni on off018-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Blitz antidroga dei vigili: marijuana ai giardinetti, cocaina in un centro scommesse

  • Salute

    Tubercolosi, altri due bambini colpiti a scuola dalla malattia

  • Cronaca

    Incendio in una stalla: morti due cavalli e due persone intossicate

  • Incidenti stradali

    Motociclista si scontra con un'auto, gravissimo in ospedale

I più letti della settimana

  • Malore fatale nel sonno: imprenditrice perde la vita a 53 anni

  • Vendono arance fingendosi amici dei passanti ma è tutta una truffa

  • Bollette del gas alle stelle: sotto accusa i nuovi contatori

  • Schiacciato da una lastra in acciaio: operaio muore in azienda a 25 anni

  • Malore alla guida, si schianta contro un albero e muore a 51 anni

  • Rapina al Famila, clienti terrorizzati: banditi in fuga con 10mila euro

Torna su
TrevisoToday è in caricamento