Lavoro: in arrivo 171 assunzioni nei centri per l'impiego del Veneto

Donazzan: «Personale qualificato per mantenere elevati gli standard del nostro modello di servizi per il lavoro». Piano programmato di assunzioni dopo i primi contratti del 2018

Prosegue il piano di rafforzamento dei Centri per l’Impiego avviato dalla Regione del Veneto nel 2018 con l’obiettivo di soddisfare i fabbisogni di personale del sistema pubblico per l’impiego, anche in vista delle nuove politiche nazionali, e dare risposte adeguate ai disoccupati presenti sul territorio regionale. 

Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli avvisi relativi ai bandi di concorso pubblico indetti da Veneto Lavoro per l’assunzione di n. 171 posti relativi a diversi profili professionali, la maggior parte dei quali inerenti la figura di operatore del mercato del lavoro. Nello specifico sono previste 87 assunzioni a tempo indeterminato, di cui 50 in categoria C e 37 in categoria D, e 84 assunzioni a tempo determinato, di cui 54 in categoria C e 30 in categoria D, per i seguenti profili: Specialista Amministrativo Contabile, Specialista in Mercato e servizi per il Lavoro, Specialista Informatico Statistico, Specialista Informatico, Analista del Mercato del Lavoro, Specialista Comunicazione, Specialista nei Rapporti con i Media, Istruttore Amministrativo Contabile, Operatore Mercato del Lavoro, Tecnico Informatico Statistico e Tecnico Informatico. Le assunzioni fanno riferimento al “Piano dei fabbisogni di personale per il triennio 2019-2021” di Veneto Lavoro, adottato con Decreto Direttoriale n. 150 del 17 maggio 2019. Il Piano rappresenta lo strumento programmatico, di natura flessibile, che rileva le effettive esigenze di reclutamento e gestione delle risorse umane necessarie all’organizzazione di Veneto Lavoro, al fine di ottimizzare l’impiego delle risorse pubbliche disponibili e perseguire i principi di buona amministrazione, efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa. Il programma di rafforzamento dei Cpi ha già portato nel corso del 2018 alla stabilizzazione con contratto a tempo indeterminato di 14 dipendenti in possesso dei requisiti di cui all’art. 20 del D.lgs. 75/2017, alla trasformazione da tempo parziale a tempo pieno di 8 rapporti di lavoro e al trasferimento a Veneto Lavoro con procedura di mobilità volontaria dall’esterno di 7 dipendenti. È al momento in corso, inoltre, la procedura per mobilità volontaria di due dirigenti per le Unità Operative Bilancio, Affari generali e approvvigionamenti e Coordinamento e Gestione rete pubblica dei servizi per il lavoro. L’obiettivo per il prossimo triennio è quello di assumere personale quantitativamente e qualitativamente in grado di garantire il raggiungimento di livelli essenziali delle prestazioni, anche in riferimento alle politiche statali e regionali messe in campo in questi anni. Con l’introduzione del Reddito di Cittadinanza, ad esempio, i Centri per l’Impiego sono chiamati a svolgere una precisa attività relativa alla presa in carico, alla verifica dell’occupabilità, alla ricerca delle opportunità di lavoro e alla condizionalità, che produrrà un incremento dell’utenza dei Cpi e che presuppone un piano di potenziamento degli stessi. 
 
«Non c’è bisogno di attendere i navigator per dare risposte adeguate ai nostri disoccupati – sottolinea l’assessore Donazzan -. La qualità del modello veneto è già universalmente riconosciuta, come hanno dimostrato le recenti visite della delegazione della Commissione Lavoro del Senato e del presidente dell’Anpal, Domenico Parisi. Le nuove assunzioni ci consentiranno di mantenere elevato il livello dei servizi offerti e di potenziare gli organici dei centri per l’impiego. È una tappa ulteriore di quel processo di rafforzamento che abbiamo avviato nell’ultimo anno – prosegue Donazzan - sia in termini di personale, attraverso procedure di stabilizzazione e di mobilità volontaria, che di aggiornamento delle competenze degli operatori attualmente in organico. Prevediamo di ampliare la dotazione organica del sistema dei servizi pubblici per l’impiego dagli attuali 406 dipendenti a 524 dipendenti a tempo indeterminato entro il 2021, oltre ai navigator che fungeranno da supporto nella gestione del Reddito di Cittadinanza».

Il testo integrale di tutti i bandi, l’indicazione dei requisiti, le modalità di partecipazione e tutte le altre informazioni relative alle procedure concorsuali sono disponibili sul sito di Veneto Lavoro, www.venetolavoro.it, nella sezione Amministrazione Trasparente/Bandi di concorso. Le domande di partecipazione devono pervenire entro l’11 luglio 2019.

Potrebbe interessarti

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Centauro 21enne si schianta contro un'auto: è grave all'ospedale

  • Si schianta con la moto contro un'auto, muore un 40enne

  • Segrega in casa e picchia la moglie e la figlia di 14 anni: arrestato 50enne padre-padrone

  • Tamponamento a catena in A4: un morto, traffico in autostrada nel caos

  • Auto fuori strada in Feltrina: due persone incastrate tra le lamiere, ferita una bimba

Torna su
TrevisoToday è in caricamento