Treviso è nella top ten delle province italiane per le esportazioni

Belluno e Treviso fanno parte anche della classifica per incidenza dell’export nei settori a maggiore concentrazione di micro e piccole imprese italiane

TREVISO L’export del Veneto corre. La regione è seconda nella top ten per incremento del valore delle esportazioni. Tra le province con maggiore presenza nei mercati esteri Vicenza e Treviso, rispettivamente seconda e terza in Italia. Belluno e Treviso sono anche nella parte alta della classifica per incidenza dell’export nei settori a maggiore concentrazione di micro e piccole imprese italiane (MPI) .La “torta” dell’export delle micro e piccole imprese vale 114,7 miliardi di euro, pari al 7,1% del Pil. Al 30 settembre 2015 le esportazioni dei settori di MPI ammontano a 86.105 milioni di euro, le importazioni sono pari a 60.344 milioni di euro ed il saldo commerciale è positivo e pari a 25.762 milioni di euro. Alla stessa data l’export dei settori di MPI cresce di 3.132 milioni di euro, pari al +3,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a fronte di un aumento del 4,1% registrato dal manifatturiero. Aumenti superiori alla media sono stati registrati per i settori delle altre manifatture con il 9,5%, Alimentare con il 6,6% e Mobili con il 6,4%.

Nei primi 9 mesi del 2015 tra le cinque principali regioni che rappresentano l’80% dell’export nei settori in esame, si rileva una dinamica superiore alla media (+3,8%) per il Piemonte con l’11,3% ed il Veneto con il 5,0% . Le esportazioni di tali settori si concentrano per il 74.2% nelle economie avanzate (64 miliardi di euro, in crescita del 5.4%) e il rimanente (pari a 22.2 miliardi,  - 0.6%) è destinato alle economie emergenti.In otto province l’incidenza dell’export dei settori a maggior concentrazione di MPI supera il 50% delle esportazioni manifatturiere: Fermo con l’87,7%, Prato con l’86,7%, Biella con l’81,2%, Belluno con il 79,7%, Salerno con il 66,2%, Firenze con il 55,4%, Como con il 53,5% e Treviso con il 50,7%.

L’analisi dei dati provinciali evidenzia che oltre la metà (52,7%) dell’export di MPI si concentra in quindici province: Milano con l’8,4%, Vicenza con il 6,7%, Treviso con il 5,2%, Firenze con il 4,9%, Brescia con il 3,0%, Verona con il 2,9%, Arezzo con il 2,8%, Belluno con il 2,6%, Como con il 2,5%, Modena, Reggio Emilia, Bologna e Padova tutte con il 2,3%, Bergamo e Monza e Brianza entrambe con il 2,2%. L’export dei settori di MPI è composto da: Alimentare con il 19,5% (16.809 milioni di euro), Abbigliamento, pelle e pelliccia con il 16,9% (14.547 milioni), Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili con il 16,7% (14.396 milioni), Prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) con il 16,2% (13.986 milioni), Altre manifatture con il 13,0% (11.196 milioni), Tessili con l’8,4% (7.263 milioni), Mobili con il 7,7% (6.661 milioni), Legno e prodotti in legno (esclusi i mobili) con il 1,4% (1.203 milioni) e Stampa e riproduzione di supporti registrati con lo 0,05% (43 milioni).

L’analisi per area di destinazione evidenzia che le economie avanzate concentrano 63,9 miliardi di euro dell’export dei settori MPI, pari a quasi i tre quarti (74,2%) del totale e nel dettaglio un quinto (21,4%) dell’export nelle economie avanzate interessa il comparto dell’Alimentare, seguito dal 17,9% di Abbigliamento, dal 17,1% di Articoli in pelle - che comprendono calzature e valigeria - e dal 15,2% di Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature. Complessivamente il comparto del Tessile, abbigliamento e pelle rappresenta il 41,8% dell’export di MPI, pari a 26,7 miliardi di euro. Le economie emergenti assorbono i restanti 22,2 miliardi di euro di export di MPI (25,8% del totale) e nel dettaglio un quinto (19,3%) è stavolta rappresentato dai Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature, seguiti con il 15,6% dagli Articoli in pelle, dal 14,1% dai Prodotti di altre industrie manifatturiere - si tratta in particolare di gioielleria e Strumenti e forniture mediche e dentistiche -dal 14,0% dell’Alimentare e da un ulteriore 14,0% di Abbigliamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel dettaglio tra i Paesi emergenti si osserva che la Russia registra una flessione del 33,5% degli acquisti di beni nei settori di MPI mentre è stagnante la domanda degli Emirati Arabi Uniti (-1,5%) e della Romania (+0,1%). In salita la domanda in Turchia (+3,7%), Polonia (+8,9%) e Cina (+12,9%). Sul calo della domanda dei Paesi emergenti pesa in modo determinante la crisi economica della Russia: l’export nei settori di MPI nei Paesi emergenti senza la Russia è in salita del 4,3%, non lontano dal +5,4% dei Paesi avanzati.
I processi di integrazione produttiva vedono le imprese di minore dimensione partecipare alle dinamiche di esportazione sia attraverso la vendita diretta all’estero sia attraverso la produzione in subfornitura rivolta a imprese committenti esportatrici e in tale prospettiva proponiamo in questo lavoro l’analisi sull’export nei settori a maggiore concentrazione di micro e piccole imprese (MPI).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento