Euroisa e l'analisi sensoriale di essenze e profumi: quando i sensi fanno il successo

Cinque anni di attività dell'Istituto Europeo di analisi sensoriale di UNIS&F. A ottobre arriverà una app in grado di misurare “in diretta” la soddisfazione dei clienti

Un momento di un'analisi essenze e profumo di Euroisa

Per realizzare e vendere un prodotto di successo i sensi sono sempre più importanti e fondamentali. L'analisi sensoriale è un elemento diventato centrale nelle strategie aziendali. Gli uffici di ricerca e sviluppo del mondo manifatturiero ne fanno uso da tempo mentre gli uffici marketing non ne hanno mai fatto a meno, qualsiasi sia il prodotto da vendere, che si tratti di un vestito, di un paio di scarpe o di cibo e bevande. Compie cinque anni Euroisa, l'Istituto Europeo di analisi sensoriale voluto dagli industriali di Treviso. L'istituto è una vera divisione a marchio registrato che UNIS&F (la società degli industriali che si occupa di formazione e servizi alle imprese) ha deciso di proporre alle aziende che cercano strumenti in grado di assicurare che il loro prodotto sia corrispondente ai gusti dei consumatori. Vista, tatto, olfatto, udito e gusto sono le leve su cui il nostro cervello poggia il suo giudizio, Euroisa ne è il custode.

L'istituto ha sede al FabLab di Via Venzone, mille e seicento metri quadrati di area coperta e attrezzata con quattro laboratori e aule studio. "Un luogo dove si impara facendo le cose – spiega l'amministratore delegato Giuseppe Antonello – aperto alle imprese, ai giovani e a tutti i cittadini". Tra stampanti 3D, scanner di ultima generazione, pc e macchinari per il taglio laser trovano posto i laboratori di Euroisa dove i prodotti di ogni genere possono essere valutati in ogni loro aspetto prima del lancio, messi a confronto con i concorrenti e migliorati. "Con l'analisi sensoriale siamo in grado di dare una mano alle imprese nel pensare, prototipare o sviluppare nuovi prodotti e nei conseguenti test di gradimento prima della messa in produzione ma durante tutta la vita dello stesso – spiega Giuseppe Antonello - Con l'impiego di app e blockchain Euroisa permette di monitorare in tempo reale il gradimento dei prodotti immessi sul mercato". L'Istituto ha varcato anche i confini nazionali, lavorando da tre anni per aziende europee sul packaging, indirizzando le aziende verso i gusti dei consumatori e costruendo confezioni, imballi e brand. Euroisa è stata partner del progetto "I-CON" per lo sviluppo dell'innovazione del settore food in Europa Centrale. Il progetto, per il quale è stata coinvolta anche l’università IUAV di Venezia con alcuni suoi esperti, ha lo scopo di migliorare le competenze innovative e le capacità imprenditoriali nel settore agroalimentare di una vasta area dell’Europa che va dal mar Adriatico al Baltico.

Questo settore, infatti, è stato definito come quello con il maggior potenziale, in grado di generare effetti socioeconomici moltiplicatori nelle aree dell’Europa centrale. E per questo le attività si concentrano sulla ricerca di soluzioni mirate al miglioramento delle competenze nel settore alimentare, attraverso una cooperazione intersettoriale tra la meccatronica (tecnologia di processo), la biotecnologia (sicurezza alimentare) e il food design (packaging). Gli esperti dell'analisi sensoriali di Treviso sono stati chiamati anche dall'Accademia Nazionale di cucina di Francia, dalla Federazione spagnola dell'ospitalità che raggruppa gli hotel e le strutture turistiche spagnole e dall’ International Berlin Brandeburg di Berlino per definire le competenze della nuova figura professionale del Local Taste Ambassador una figura su cui i territori locali di tutta Europa ripongono le loro aspettative di sviluppo economico. La ricerca si è realizzata attraverso il progetto "Following taste" rilevando da un lato i fabbisogni occupazionali di turismo, salute alimentare e agricoltura biologica in Europa, dall'altro traducendo gli stessi fabbisogni in competenze professionali specifiche. "L'iniziativa vuole contribuire alla valorizzazione delle potenzialità educative, culturali e commerciali del patrimonio gastronomico di un territorio proponendo di agire sulla formazione quale volano e strumento d'eccellenza utile a dare risposte alle esigenze richieste dal tessuto socio-economico", spiega Tiziano Casanova, responsabile di Euroisa.

Lo studio avrà la sua messa in pratica con il nuovo percorso didattico di Comunicazione strategica e marketing territoriale dedicato alla neo area Unesco dei colli trevigiani che Euroisa proporrà agli imprenditori dal 7 novembre prossimo. A livello regionale l’Istituto è partner di Confederazione Italiana Agricoltori, la Confesercenti e il Polo Galileo della Camera di Commercio di Padova nel progetto Farmer's Lab. Il progetto vuole creare laboratori per la trasformazione collettiva di prodotti agroalimentari di qualità accrescendo l'accesso al mercato delle piccole aziende agricole, migliorando la sostenibilità economica permettendo alla fine di un miglioramento dei consumi in termini di qualità e gusto. Farmer ‘s Lab mira a iniettare innovazione in tutta la filiera agrifood nel rispetto delle nuove tendenze dei consumatori. Euroisa è partner del progetto per quanto riguarda le attività di analisi sensoriale che serviranno a fornire indicazioni per il posizionamento di alcuni prodotti locali sui potenziali mercati di riferimento. Fondamentali nel giudizio dei consumatori sono le tendenze del momento ma anche aspetti legali al costo, alla funzionalità e all'ecosostenibilità di quello che acquistano.

Tutti aspetti che l'analisi sensoriale è in grado di cogliere ormai in modo molto preciso. Sin qui il presente, per il futuro la gamma di servizi Euroisa si sta ampliando con un incremento di strumenti dedicati al consumer service. È infatti pronta ormai, e verrà utilizzata dalla fine di ottobre, un’applicazione sviluppata assieme a un’azienda startup dell’Università di Sassari che permetterà di utilizzare app e smartphone per esprimere un giudizio praticamente in diretta su un evento, un prodotto, un ambiente potendo cosi “correggere” il tutto in base alle preferenze dei consumatori: un piatto al ristorante, un servizio di assistenza al welfare, un’attività del tempo libero come concerti e manifestazioni sportive potrebbero essere cosi fruite al meglio dai partecipanti. Euroisa opera in tutte le aree coinvolte nell’analisi sensoriale: ricerca & sviluppo, verifica del consenso dei prodotti o servizi nel tempo e consulenza per il lancio di nuove attività sul mercato con la definizione del posizionamento migliore, nel rispetto delle norme ISO e secondo Codici Sensoriali universalmente riconosciuti, in collaborazione con Università e Istituti di ricerca nazionali e internazionali. In parallelo anche le attività di formazione: UNIS&F mette già a disposizione delle aziende Panel Leader e Giudici Sensoriali, in grado di certificare prodotti e servizi di tutti i settori. Il motto di Euroisa?: "Misuriamo il successo dei sogni di ogni imprenditore”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Malattia incurabile, farmacista perde la vita a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento