Evasione fiscale: Veneto tra le regioni più virtuose d'Italia

I dati pubblicati nelle scorse ore dalla Cda di Mestre dimostrano come il Veneto sia una delle regioni con il minor tasso di lavoro sommerso in Italia. Soddisfatto l'assessore Marcato

Foto tratta da Google immagini

TREVISO “Una pietra tombale sulla fake news che il Veneto è terra di evasori”. A dirlo è l’assessore regionale allo sviluppo economico Roberto Marcato in relazione ai dati diffusi nelle scorse ore dalla Cgia di Mestre sul lavoro sommerso In Italia e sul conseguente mancato gettito che pesa sul PIL. Risulta infatti che il territorio meno interessato dalla presenza dell'economia sommersa sia proprio il Veneto.

“I dati – aggiunge Marcato – offrono l’occasione per due considerazioni. La prima è che viene smentita in maniera chiara e netta la falsa credenza che il Veneto sia regione di evasori. Al contrario, le risultanze reali mettono il Veneto fra le regioni che evadono di meno non solo in Italia ma in tutta Europa. E vedere che siamo all’ultimo posto per lavoro in nero fa particolarmente piacere perché viene riconosciuto il grande lavoro dei nostri imprenditori e dei lavoratori di una regione che riesce ad essere ai primi posti per il basso tasso di disoccupazione e per capacità di crescita economica.”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La seconda considerazione – fa rilevare l’assessore veneto – è che se da una parte il reddito di cittadinanza o di inclusione è da considerare un atto di civiltà prima ancora che politico – in quanto un Paese civile deve preoccuparsi soprattutto dei più deboli – dall’altra parte bisogna fare attenzione a come viene declinato. E’ necessario immaginare un provvedimento che sia anche in grado di far emergere dall’anonimato il lavoro nero. Altrimenti, il rischio potrebbe essere quello di trovarci a creare una nuova paradossale situazione di figure che risultano disoccupate ma lavorano in nero e per di più ricevono aiuti dallo Stato. Questo sarebbe del tutto inaccettabile e un affronto per tutti coloro che, come i Veneti, pagano le tasse e contribuiscono al benessere economico del Paese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento