Nuovi percorsi di formazione professionale: il Ciofs sceglie Keyline come laboratorio

Il centro italiano opere femminili salesiane ha organizzato un seminario dal tema “lavoro qualificato e infrastruttura formativa, bisogni del Paese e del mercato del lavoro”

Keyline, l’azienda che produce chiavi e macchine duplicatrici, si è trasformata per un giorno in laboratorio dove sperimentare nuovi percorsi di formazione professionale. La sede di via Camillo Bianchi a Conegliano ha ospitato giovedì oltre una ventina di docenti provenienti da tutta Italia e partecipanti al XXXI seminario nazionale organizzato dal Ciofs, il centro italiano opere femminili salesiane, in corso da tre giorni nella Marca trevigiana sul tema “lavoro qualificato e infrastruttura formativa, bisogni del Paese e del mercato del lavoro”. Ad accogliere il gruppo di partecipanti l’amministratrice unica Mariacristina Gribaudi e la responsabile delle risorse umane Ketty Mazzer. Al centro del confronto alcune delle urgenze che oggi sollecitano i centri di formazione professionale: come far fronte alla domanda pressante di qualifiche/specializzazioni non disponibili sul mercato dell’offerta e come raggiungere i NEET che non sono agganciati da alcun sistema formativo-lavorativo, in particolare nel Sud del paese.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro un'auto mentre è in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

  • Malattia incurabile, farmacista perde la vita a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento