Gribaudi di KeyLine nuova Amministratrice di H-Farm. E intanto parte la call per HCamp Spring

H-Farm investe nel fashion e nel retail: è aperta la nuova call for ideas per partecipare alla prossima edizione del programma di accelerazione per startup H-Camp

RONCADE H-Farm, la piattaforma d’innovazione con sede a Ca’ Tron di Roncade, ha nominato in questi giorni Mariacristina Gribaudi, già amministratrice unica di Keyline S.p.A., quale nuova Amministratrice Indipendente di H-FARM. Nata a Torino da una famiglia di imprenditori, si è trasferita in Veneto nel 1970 dove ha lavorato nell’impresa di famiglia fino al 1996, maturando numerose esperienze sia commerciali che industriali. Nel 2002 è entrata nell’impresa del marito Massimo Bianchi, la Keyline S.p.A azienda oggi leader mondiale nel key business elettronico con filiali in Italia, Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Cina e Giappone. Oggi Gribaudi è punto di riferimento quotidiano dell’attività aziendale, coordina tutte le attività produttive, finanziarie e amministrative finalizzate allo sviluppo aziendale. Mariacristina Gribaudi è inoltre madre di sei figli e da dicembre 2015 è Presidente della Fondazione Musei Civici di Venezia che raccoglie 11 sedi per oltre 200.000 opere d’arte che rappresentano l’orgoglio Italiano dell'arte nel mondo.

Sono pronta a spendermi con entusiasmo in questa che è una fabbrica dell’innovazione e dei talenti, convinta – spiega Mariacristina Gribaudi, la nuova amministratrice indipendente di H-Farm – che attraverso la positiva contaminazione di idee ed esperienze, con l’ausilio della tecnologia, in particolare quella digitale, sia possibile offrire al sistema economico-produttivo quegli strumenti fondamentali per un nuovo rinascimento, anche imprenditoriale, del nostro territorio”. “Sono veramente contento della nomina di Mariacristina, nel nostro board. La sua carica, il suo entusiasmo, la sua visione e la sua esperienza sono un grandissimo valore aggiunto per il nostro progetto” – ha dichiara Riccardo Donadon, Presidente e Amministratore Delegato di H-Farm – “Ci siamo confrontati in molte occasioni in questi anni in cui lei e il marito Massimo stavano facendo partire la loro straordinaria startup e ci siamo sempre trovati d’accordo sull’importanza dell’innovazione, dei giovani e della formazione. Sarà un onore ed un piacere lavorare assieme a lei, impegnandoci a far crescere il nostro progetto ed il nostro meraviglioso territorio”.

Nel frattempo è aperta, fino al 15 marzo, la call for ideas per la settima edizione di H-Camp Spring 2016, il programma di accelerazione internazionale per startup ideato da H-Farm. Questa edizione è diretta alle startup in grado di proporre soluzioni innovative nel settore moda e retail, soprattutto in un’ottica B2B: si pensi ad esempio a nuovi sistemi di CRM, applicazioni e software per un’integrazione tra canali di vendita online e offline, piattaforme e tool per e-commerce e mobile commerce. “Mai come ora, il binomio startup-impresa tradizionale acquista valore – ha dichiarato Timothy O’Connell, direttore programmi di accelerazione di H-Farm – e si traduce in uno scambio proficuo di servizi e competenze digitali al servizio delle reti d’impresa tradizionali.” Dalle edizioni precedenti di H-Camp numerosi sono gli esempi di startup di successo che hanno dimostrato quanto sia efficace e vincente la sinergia tra le nuove tecnologie digitali e le imprese del settore fashion-retail: è il caso di Teeser, il primo social network dedicato al mondo delle t-shirt in cui i creativi iniziano subito a vendere e guadagnare e gli utenti ricevono a casa in 48h un prodotto personalizzato e made in Italy; Glix, l’app dedicata agli amanti della moda che permette a tutti di diventare personal shopper e “trendsetter” comprando e vendendo prodotti unici che, diversamente, non sarebbero facilmente reperibili; Hopstok, la piattaforma B2B dedicata ai negozi multimarca di abbigliamento, accessori, scarpe e attrezzature sportive, ad oggi uno degli strumenti più riusciti per smaltire l'invenduto e riassortire la merce; e ancora, Competitoor, il servizio di benchmarking competitivo che permette di monitorare il proprio mercato di riferimento online, in modo da poter variare i prezzi e mantenere un vantaggio competitivo.

Solamente i migliori 5 team entreranno in H-Camp, l’unico programma di accelerazione “allinclusive” per startup in Italia che, oltre a un investimento iniziale di 20.000 Euro, offre 4 mesi di vitto, alloggio, spazi di lavoro e una serie di servizi tecnici e professionali, per un valore complessivo di oltre 80.000 Euro, che si concretizzano in sessioni di mentorship, workshop tematici e supporto da parte di partner tecnici; durante tutto il percorso i partecipanti saranno supportati dall’Accelerator Team e avranno l’opportunità unica di entrare in contatto con un ampio network di clienti, investitori e aziende che ruotano attorno ad H-Farm.

Per saperne di più: http://www.h-farm.com/acceleration-program/. Per candidarsi: http://bit.ly/hcampfashionretail

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento