Ecomondo, il Gruppo Zoppas premiato nella categoria "Circular economy"

L’azienda di Vittorio Veneto premiata a Ecomondo per l’impianto “Xtreme Renew” primo sistema per la produzione di preforme per uso alimentare contenenti il 100% di PET riciclato

Venerdì 8 novembre all'Ecomondo di Rimini S.I.P.A Spa del Gruppo Zoppas ha ottenuto il riconoscimento per la categoria “circular economy” nell'ambito del Premio Sviluppo Sostenibile 2019, istituito per l’undicesimo anno consecutivo dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall’Italian Exhibition Group.

L’azienda di Vittorio Veneto è stata premiata per l’impianto “Xtreme Renew” che produce preforme per l’utilizzo alimentare in un unico processo in linea partendo da 100% scaglie di bottiglie PET riciclate. Il premio ha avuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e, inoltre, è stata conferita la Medaglia del Presidente della Repubblica. "Xtreme Renew" è il primo sistema per la produzione di preforme per uso alimentare contenenti il 100% di PET riciclato partendo da scaglie, in un unico ciclo di riscaldamento. Un impianto rivoluzionario, frutto di una progettualità unica al mondo, in grado di riutilizzare gli scarti industriali nello stesso processo produttivo, rendendo quest’ultimo economico e sostenibile. Xtreme Renew, infatti, permette un consistente taglio ai consumi di energia e alle emissioni di C02 in atmosfera.

«Siamo molto orgogliosi di ricevere un riconoscimento così prestigioso come il premio dello sviluppo sostenibile – ha dichiarato Gianfranco Zoppas, presidente di Zoppas Industries - La nostra azienda è in prima linea sul fronte della green economy e con noi tante altre aziende italiane che, grazie a innovazione, ricerca e tanta passione lavorano per fare economia nel rispetto dell’ambiente. Ma se l’impresa italiana è avanti, lo stesso ancora non si può dire per le istituzioni, che devono riconoscere e facilitare questa nostra ‘naturale’ capacità di fare economia circolare. In particolare, noi chiediamo alle istituzioni un maggior impegno per migliorare la qualità della raccolta della plastica; di eliminare l’incomprensibile limite del 50% all’uso di plastica riciclata nei contenitori alimentari, consentendo la produzione di bottiglie al 100% di rpet, come avviene in tutto il resto d'Europa; di usare la leva fiscale per incentivare e stimolare l’uso dei prodotti riciclati rispetto a quelli di plastica vergine. E quindi no a una plastic tax lineare che serva solo a fare cassa e sì a interventi per orientare verso consumi responsabili. Noi – ha concluso Zoppas - abbiamo messo la tecnologia, i capitali e la fantasia: ora sta alle istituzioni favorire questo processo e consentirci di fare in Italia quello che già facciamo in Giappone, in Brasile negli Stati Uniti». Riutilizzo dei materiali, riduzione delle emissioni e del fabbisogno energetico, insieme a un’attenzione alla qualità dei prodotti, sono gli asset su cui si sviluppa tutto il progetto dell’azienda di Vittorio Veneto. La macchina progettata da S.I.P.A. consente di trasformare un potenziale rifiuto in una risorsa, attraverso un processo efficiente e circolare: prima si ricicla il pet, poi si dà vita alla preforma e quindi alla bottiglia di plastica riciclata. La stessa macchina, infine, provvede all'imbottigliamento. Per dirla con uno slogan, “dal pet al pallet”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

Torna su
TrevisoToday è in caricamento