homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Trasporti: primi passi verso il biglietto unico e l'integrazione

Iniziano le prime prove di mobilità integrata nella Marca. Da settembre verrà introdotto il biglietto unico per Ctm e La Marca nelle zone della Castellana

Primo passo operativo della holding Mobilità di Marca, che raggruppa le quattro società di trasporti presenti in provincia di Treviso.

Una società da 50 milioni di fatturato l'anno, 611 dipendenti e 80 milioni di chilometri effettuati l'anno, numeri che la collocano terza in Veneto dopo Venezia e Verona.

Dal primo settembre nei comuni della Castellana e Pedemontana, serviti da Ctm e La Marca, sarà attivo il biglietto unico, mentre l'abbonamento sarà elettronico. C'è infatti da far fronte ai tagli dei finanziamenti regionali al trasporto pubblico, pari a due milioni per l'intera provincia, e all'aumento del costo del carburante. E dal 1 gennaio 2014 nella Marca esisterà solo Mom e un unico biglietto elettronico in tutta la provincia.

A presentare l'iniziativa, Leonardo Muraro, presidente della Provincia di Treviso, Michele Noal, assessore ai Trasporti della Provincia di Treviso, Giulio Sartor, presidente di MoM, e Giacomo Colladon.

Intanto proseguono le trattative per la fusione delle quattro società: lo scoglio più grande è integrare i quatto contratti integrativi dei lavoratori in uno unico. Sindacati e azienda si sono dati 6 mesi di tempo per raggiungere l'obiettivo.

“Quello della fusione delle aziende di trasporto pubblico è un progetto che ho fortemente voluto ormai nel 2008 e che finalmente sta vedendo la sua realizzazione – ha detto Muraro – il cronoprogramma prosegue, questa è una nuova tappa, una pietra miliare verso la MoM. Già con l'eliminazione dei quattro consigli di amministrazione abbiamo risparmiato 800.000 euro che abbiamo subito reinvestito in favore dei cittadini e delle famiglie. Questa è una squadra che lavora per il bene pubblico. In questo modo, abbiamo creato un'azienda che può tranquillamente presentarsi davanti a tutte le gare che saranno fatte per il trasporto pubblico locale”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Auto contro auto di fronte a Mercatone Uno, ferito un 31enne

    • Cronaca

      Tutto pronto all'Asolo City Park per l'AMA Music Festival per ben sei giorni di musica

    • Politica

      Pd, è Giovanni Manildo il candidato per la corsa alla Provincia

    • Cronaca

      Perde il controllo dell'auto e finisce fuori strada, grave un 39enne

    I più letti della settimana

    • E-Distribuzione assume diciannove giovani in Veneto, tre in provincia di Treviso

    • Eventi annullati e piazze bloccate, Ascom: "Impariamo da Jesolo"

    • Masottina per la musica: l'azienda dei Dal Bianco partner del Festival "Sulle vie del Prosecco"

    • Vent'anni di attività di categoria: i tappezzieri trevigiani si raccontano in un libro

    Torna su
    TrevisoToday è in caricamento