Concentrazioni di formaldeide oltre i limiti alla "Aeroglass Filtri"

Femca Cisl chiede un incontro urgente all’azienda di Ospedaletto di Istrana

L'azienda di Ospedaletto

Concentrazioni di formaldeide oltre i limiti di legge alla Aeroglass Filtri di Ospedaletto di Istrana, preoccupazione e richieste di chiarimenti e garanzie all’azienda da parte della Femca Cisl Belluno Treviso. Secondo un recente monitoraggio dell’Arpav, dall’impianto di essicazione spole dell’azienda che produce e commercializza filtri dell’aria in fibre di vetro, ci sarebbe stato un superamento del limite riguardante la formaldeide, sostanza considerata cancerogena per l’uomo. «Siamo venuti a conoscenza di questi dati leggendo i giornali locali -dichiara Mauro Dalla Rosa, sindacalista della Femca Cisl- e siamo molto preoccupati per la salute dei lavoratori, a partire da quelli che lavorano nel reparto Essicatoio. Abbiamo chiesto immediatamente un incontro all’azienda, perché i lavoratori hanno il diritto di essere informati riguardo alle rilevazioni effettuate dall’Arpav e ad eventuali rischi per sè stessi, le proprie famiglie e per la popolazione residente nella zona. Chiediamo trasparenza e garanzie per la salute».

I vertici di Aeroglass, in una comunicazione del 30 aprile rivolta ai dipendenti, hanno rassicurato i lavoratori, spiegando che sono stati regolarmente svolti controlli periodici che hanno sempre dato esito positivo, con emissioni nella norma, in quanto al di sotto dei valori soglia fissati dall’autorizzazione ambientale rilasciata nel 2017 dal Comune di Istrana. In riferimento all’esito del recente controllo dell’Arpav, l’azienda parla di “circostanza anomala” su cui Aeroglass sta effettuando verifiche e approfondimenti, avendo affidato l’incarico degli accertamenti a diversi laboratori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se Femca Cisl e Rsu non otterranno risposte soddisfacenti dall’azienda, chiederanno l’intervento dello Spisal, nuove analisi indipendenti sulla qualità dell’aria nel reparto finito nel mirino dell’Arpav, ma anche visite mediche a carico aziendale per tutti e 50 i dipendenti per verificarne lo stato di salute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento