Montebelluna ottiene 250 mila euro dalla Regione per il “suo” Emporio commerciale

Ampio circa 260mila metri quadrati, il distretto è strutturato su più polarità urbane e comprende il centro storico e le aree della località Posmon

È di 250mila euro il contributo – il massimo possibile – che il Comune di Montebelluna ha ottenuto nell’ambito del bando del finanziamento riservato ai progetti finalizzati allo sviluppo del sistema commerciale nell’ambito dei distretti del commercio riconosciuti dalla Regione stessa nel marzo dello scorso anno. In quell’occasione la proposta di Montebelluna, assieme ad altre oltre 50 proposte, era stata riconosciuta nella sua identità di distretto commerciale identificata nella cosiddetta “Città emporio”, anche in onore della sua secolare storia di mercato cittadino.

Ampio circa 260mila metri quadrati, il distretto è strutturato su più polarità urbane e comprende il centro storico, con le aree limitrofe e di prima espansione - tra le quali le recenti nuove piazze del centro: Corte Maggiore e Piazza Oberkochen – e le aree della località Posmon. Dal punto di vista commerciale il distretto è composto di 238 esercizi commerciali al dettaglio (di cui 190 in centro e 48 nell’are di Posmon) cui si aggiungono i 226 banchi del mercato del mercoledì, i 24 del farmer market del sabato mattina, i 79 della fiera natalizia. Vi sono poi 55 esercizi di somministrazione, 34 imprese dell’artigianato di servizio, 215 imprese dei servizi, 3 strutture ricettive, 2 strutture per intrattenimento e svago, 77 locali ad uso commerciale disponibili per nuovi insediamenti.

Il progetto di sviluppo commerciale di Montebelluna origina dal lavoro portato avanti da una rete messa in piedi tra più soggetti e che si è concretizzata nell'accordo di partenariato allargato sottoscritto dal Comune assieme ad un ampio ventaglio di organizzazioni ed enti rappresentativi del mondo istituzionale, delle categorie economiche confluenti nel progetto – tra cui Ascom, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti -, delle imprese commerciali e dei servizi operanti all’interno dell’area distrettuale, del mondo culturale, della proprietà immobiliare, del sistema formativo, oltre ad enti e società che operano per la promozione locale, turistica e fieristica.

Il contributo della Regione per 250mila euro ed erogato il prossimo anno, consentirà di concretizzare una serie di azioni ed interventi concreti per un complessivo – come previsto dal progetto – di 690mila euro, finanziati per la parte restante di 440mila euro in parte dal Comune ed in parte da il Mosaico/Ascom. Nello specifico, questi gli otto interventi previsti:

- Progettazione Mosaico 10.000 euro

- Manager Mosaico 45.000 euro

- Opere pubbliche Comune 525.000 euro

- Progetto Recupero locali sfitti Comune 15.000 euro

- Eventi Mosaico 30.000 euro

- Welcome 13.000 euro

- Piano integrato di marketing Comune 42.000 euro

- Formazione all'accoglienza turistica 10.000 euro

Commenta il sindaco, Marzio Favero: «È un altro ottimo risultato frutto del lavoro di squadra che trova il suo asse nell’accordo strategico tra il Comune di Montebelluna e l’Ascom e ha visto il coinvolgimento del Mosaico, di Confartigianato e di numerose altre associazioni che animano la nostra città. Sono tre gli obiettivi per un intervento complessivo di 690mila euro: il primo è il completamento della riqualificazione del centro con la sistemazione dell’incrocio tra via De Gasperi e via Bertolini, l’attesissima apertura del percorso Tirindelli per la quale si sta chiudendo la procedura di esproprio, e la riqualificazione di Piazza Tommaseo, unica a non essere stata toccata finora dagli interventi di riqualificazione. Peraltro, a suggello del grande progetto di rigenerazione urbana del centro storico di Montebelluna, si è aggiunta nei giorni scorsi la delibera del consiglio comunale che accoglie il contributo proveniente da Intesa Sanpaolo di 5.5 milioni di euro per riportare nel centro cittadino il teatro, dopo 50 anni di assenza».

«Il secondo obiettivo è una gestione manageriale del distretto del commercio che consenta approcci innovativi per la promozione economica. Il terzo è quello della promozione turistica del centro di Montebelluna con le sue risorse, dai musei agli outlet delle imprese, nonché del territorio montelliano in collaborazione con gli altri Comuni: ricordo al riguardo che l’OGD “Città d’arte e Ville venete”, ha riconosciuto all’IPA Montello-Piave-Sile un contributo di 50mila euro per attivare una DMC (Destination Management Community) nel nostro territorio» conclude il primo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento