Stefanel, un anno di cassa integrazione e al via il progetto di rilancio

Vertice presso il ministero tra azienda e sindacati: gli esuberi per la sede di Ponte di Piave scendono (a 29 e non 38). L'assessore Donazzan: «L’obiettivo è quello di risollevare la situazione aziendale, perché questo marchio storico torni ad essere importante»

Un negozio Stefanel

Si è svolto oggi, giovedì, l’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico alla presenza del vice capo di gabinetto ing. Sorial e della regione Veneto. L’azienda ha presentato come aveva chiesto il ministero il piano di riorganizzazione e di rilancio entrando in maggiori dettagli rispetto a quanto annunciato anche rispetto alle collezioni. Seppur restano importanti gli esuberi per la sede di Ponte di Piave (29 invece e non 38) si sono gettate le basi per un percorso di verifica ed eventuale implementazione da attuare durante i dodici mesi di cassa. In particolare si è stabilito che ci saranno degli incontri periodici sia al Mise sia attraverso l’attivazione di un tavolo permanente in Regione.

La discussione è poi proseguita al ministero del lavoro in merito al l’attuazione della cassa integrazione straordinaria. In tarda serata si è giunti ad un accordo per l’attivazione della cigs per 12 mesi e si sono stabiliti i percorsi di gestione degli eventuali esuberi con politiche attive per la riqualificazione e ricollocazione del personale attraverso l’assegno di riqualificazione e le politiche regionali per il lavoro. La Filctem di Treviso e la Cgil del Veneto, nonostante le preoccupazioni per la prospettiva del sito, colgono positivamente l’apertura di un confronto serrato con l’azienda e le istituzione. Considerano questo un punto di partenza e non di arrivo di questa complessa vertenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’attuale situazione di difficolta è un punto di partenza e non un punto di arrivo: l’obiettivo è quello di risollevare la situazione aziendale, perché questo marchio storico torni ad essere importante -dichiara l’Assessore Regionale al Lavoro del Veneto Elena Donazzan, che conclude- come in altri casi la Regione, per il tramite delle proprie strutture, è vicina all’azienda e al personale in questo momento così delicato, attivando tutti gli strumenti disponibili, anche di monitoraggio, in stretta sintonia con il Ministero del Lavoro, dello Sviluppo Economico e delle organizzazioni sindacali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Scooter fuori strada contro un lampione: morta una 14enne

  • Si schianta con la moto contro un'auto: grave un centauro

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

Torna su
TrevisoToday è in caricamento