Stefanel rinuncia al concordato, si va verso l'amministrazione straordinaria

La maggioranza dei creditori ha detto no al piano di risanamento che l'azienda avrebbe dovuto presentare al tribunale di Treviso entro domani, venerdì 14 giugno. A rischio 253 posti di lavoro

La sede di Stefanel a Ponte di Piave

La storica azienda Stefanel di Ponte di Piave sarebbe ad un passo dal fallimento, con ben 253 lavoratori che ora rischiano il posto di lavoro. Il gruppo ha depositato l'istanza di rinuncia alla procedura di concordato preventivo e presentato un'istanza per la dichiarazione dello stato di insolvenza propedeutica all'ammissione della società alla procedura di amministrazione straordinaria. Da giorni era ormai purtroppo chiaro che la maggioranza dei creditori avesse detto no al piano e alla proposta concordataria che il gruppo avrebbe dovuto presentare al Tribunale di Treviso entro domani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL COMUNICATO DELL'AZIENDA Stefanel S.p.A. informa che, come anticipato nel Comunicato Stampa diffuso il 5 giugno u.s., in data odierna è stata depositata presso il Tribunale di Treviso un’istanza di rinuncia alla procedura di concordato preventivo con riserva ex art. 161, sesto comma, L.F. avviata il 14 dicembre u.s. e, parallelamente, è stata depositata presso il Tribunale di Venezia un’istanza per la dichiarazione dello stato di insolvenza della Società, propedeutica alla prospettata ammissione della stessa alla procedura di amministrazione straordinaria ai sensi e per gli effetti del d.lgs. 8 luglio 1999, n. 270 (cosiddetta “Prodi bis”). Il Consiglio di Amministrazione precisa che la scelta di avviare l’iter per l’ammissione all’amministrazione straordinaria è stata compiuta anche per tutelare il livello occupazionale della Società. La Società rende altresì noto che, in data 11 giugno 2019, il Consigliere Tito Berna ha rassegnato le proprie dimissioni, con decorrenza dalla data odierna, dalla carica di Amministratore non esecutivo della Società, in considerazione dell’intervenuta incompatibilità tra il mantenimento della carica di Consigliere di Stefanel S.p.A. e la propria attività di liquidatore della società correlata Legenda S.r.l. in liquidazione. Il Dott. Berna era membro del Comitato Controllo e Rischi e, alla data odierna, non detiene alcuna partecipazione nel capitale sociale della Società. A seguito della cessazione dalla carica, al Dott. Berna non verrà corrisposta alcuna indennità di fine carica o alto beneficio monetario e/o non monetario. Stefanel S.p.A. ringrazia il Dott. Berna per l’attività svolta a favore della Società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

Torna su
TrevisoToday è in caricamento