RC auto: con l’accorpamento delle province possibili rincari

Gli aumenti maggiori a danno dei residenti nella provincia di Parma. Trevigiani in bilico fra l’accorpamento a Padova, che li farebbe risparmiare, e quello a Belluno che li farebbe spendere di più

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Dall'Ufficio Stampa di Immobiliare.it i dati sui rincari che gli automobilisti trevigiano potrebbero dover affrontare dopo il riordino delle Province.

RINCARI RC AUTO - L'accorpamento delle province deciso dal Governo non avrebbe solo effetti amministrativi ma, secondo i calcoli di Facile.it - sito leader nella comparazione di polizze assicurative, mutui, prestiti e tariffe energia - potrebbe condurre ad aumenti del premio RC auto per oltre un milione e mezzo di automobilisti.

"Il premio RC auto - spiega Mauro Giacobbe, Responsabile Business Unit Assicurazioni di Facile.it - si compone di diversi elementi, tra cui l'imposta provinciale, che varia dal 9% al 16%. Con l'accorpamento, salvo cambiamenti, sono diverse le province che, inglobate in quelle più grandi, potrebbero fare i conti con un incremento della tassazione fino al 2%".

SI RISPARMIA CON PADOVA - Secondo i risultati dell'analisi di Facile.it a subire i danni maggiori sarebbero i residenti della provincia di Parma: oggi hanno un'aliquota del 14%, che salirebbe al 16% in caso di accorpamento con Piacenza (se fosse questa seconda a prevalere).

Potrebbe andare peggio solo agli automobilisti trevigiani che, dopo essere riusciti a diminuire l'aliquota e pagare dal 1 settembre 2012 il 15%, si trovano sospesi fra un possibile ritorno alla soglia massima del 16% (se venissero accorpati a Belluno e prevalesse la tariffa di questa provincia) o un notevole risparmio nel caso in cui la scelta ricadesse sull'unione con Padova, che applica un'imposta del 12.5%.

Rincari in vista anche per gli automobilisti pistoiesi e senesi che, unendo i propri destini tariffari a quelli dei conducenti delle province di Prato, Massa e Lucca i primi, di Arezzo e Grosseto i secondi, potrebbero pagare lo 0,5% in più.

Buone notizie, di contro, per chi vive a Teramo. L'accorpamento con la provincia de L'Aquila è quasi certo e, con esso, anche il risparmio. All'atto della fusione direbbero addio all'aliquota massima e benvenuta quella del 15.5%.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento